rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
CRONACA

"Stop sfratti", assedio a Montecitorio: scontri nella Capitale

Dopo l'accampata al ministero della Infrastrutture, i movimenti per l'abitare hanno assediato piazza Montecitorio. Momenti di tensione fra manifestanti e polizia

ROMA - Dopo le tende davanti al ministero delle Infrastrutture, i movimenti sono tornati nella Capitale per l'assedio alla Conferenza unificata straordinaria con l'Anci convocata proprio con l'obiettivo di definire un decreto sulle politiche abitative a livello nazionale. Diverse centinaia di persone, per la maggior parte aderenti ai movimenti per il diritto all'abitare e del sindacato di base Usb, si sono così radunate in una piazza Montecitorio blindata da una massiccia presenza delle forze dell'ordine. Alta la tensione con i manifestanti che hanno lanciato uova e fumogeni verso il Palazzo. La richiesta sul piatto della mobilitazione, il blocco degli sfratti anche per la morosità incolpevole che oggi non rappresenta una categoria protetta.

"Stop sfratti": scontri al corteo a Roma (FOTO DANIELE NALBONE)

Intorno a mezzogiorno i manifestanti si sono spostati su via del Corso bloccando il traffico. Obbiettivo: raggiungere via della Stamperia dove è in corso la Conferenza dell'Anci. Gli attivisti sono poi arrivati anche su via del Tritone. Qui il corteo è 'impattato' contro i blindati posti a bloccare il passaggio all'altezza di Largo Chigi e via Poli. Di fronte al tentativo dei manifestanti di proseguire 'forzando' il blocco, la polizia ha risposto caricando.

IL VIDEO DALLA PIAZZA

Tensione alle stelle quando un gruppo di manifestanti ha assaltato un blindato della polizia con le forze dell'ordine che hanno sparato lacrimogeni per disperdere la folla. Il bilancio degli scontri, al momento, sarebbe di sei persone trasportate in ospedale e dieci medicati sul posto. Intanto, i manifestanti, dopo il "corpo a corpo" con gli agenti, hanno occupato nuovamente piazza Montecitorio. 

Roma, caos al corteo per la casa: scontri e feriti

"Se dalla Conferenza Stato-Regioni-Comuni non verrà  fuori una soluzione adeguata per fermare il blocco degli sfratti e gli sgomberi, la nostra protesta non si fermerà. Oggi per Roma non sarà una giornata tranquilla". Cosi' Paolo di Vetta, rappresentante dei Movimenti per il diritto all'abitare, in presidio a piazza Montecitorio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stop sfratti", assedio a Montecitorio: scontri nella Capitale

Today è in caricamento