rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
I DRAMMI DELLA CRISI / Italia

La crisi che uccide: ottantanove suicidi nell'ultimo anno

Quasi otto persone al mese hanno deciso di togliersi la vita per problemi economici e finanziari. E' allarme anche per i tentativi di suicidio: quarantotto in dodici mesi

La strage di Perugia è solo l'ultimo atto di una situazione ormai giunta allo stremo. Andrea Zampi, l'imprenditore 43enne che mercoledì mattina ha ucciso due impiegate della Regione Umbria prima di uccidersi, è sì un killer, ma anche una persona, l'ennesima, caduta nel baratro della crisi economica.

Andrea Zampi non va inserito solo nell'elenco di persone che uccidono ma anche in quello di persone che, per colpa della crisi, hanno deciso di togliersi la vita.

Le cause? Sempre le stesse. Le gravi difficoltà economiche e finanziare. La perdita del posto di lavoro. La difficoltà di saldare debiti e la paura di perdere la propria dignità. Sono queste le ragioni per cui 89 persone nel 2012 hanno deciso di farla finita. Sono i suicidi della crisi: i gesti estremi di persone che non vedono altra via di uscita, se non la morte. 

TUTTO SULLA STRAGE DI PERUGIA

Nell'anno da poco concluso si sono registrati quasi otto suicidi al mese per motivi economici. E' questo il primo dato che sottolinea una ricerca dell'università Link Campus, curata da Link Lab, il laboratorio di ricerca socio economica dell'ateneo. 

"Una lunga lista di imprenditori, artigiani e disoccupati - scrive l'università - che, oppressi da gravi difficoltà economiche e soprattutto dalla paura di perdere la propria dignità, reputano la rinuncia alla vita una scelta obbligata". 

La fascia di età maggiormente interessata è quella che va dai 45 ai 54 anni, a conferma che a spingere al suicidio sono sempre più i problemi economici e la convinzione di non potere uscire dalla crisi. 

L'area geografica maggiormente colpita dal fenomeno, si legge nello stesso studio, è il Nord con 39 suicidi. In questa triste classifica seguono il Centro con il 25,8% degli episodi di suicidio, le isole con il 15,7% e il sud con il 14,6%. Nel dettaglio, la Regione con più suicidi è il Veneto, dove 23 persone si sono tolte la vita negli ultimi dodici mesi. 

A preoccupare, però, sono anche le persone che tentano di farla finita. Tra i mesi di gennaio e dicembre del 2012 sono 48 i tentativi di suicidio. E il motivo è tristemente lo stesso: la crisi che uccide. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi che uccide: ottantanove suicidi nell'ultimo anno

Today è in caricamento