rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
ECONOMIA

Telecom e Alitalia, pressing di Pd e Pdl: "Il governo chiarisca"

Polemiche sul fronte politico e sindacale sui cambiamenti degli assetti proprietari dei due grandi gruppi

ROMA - Telecom passa in mani spagnole, Alitalia passerà in mani francesi. La doppia notizia ha destato preoccupazioni e polemiche. Dal Pd che chiede al governo di riferire in aula, al Pdl che parla di "sconfitta del sistema industriale italiano", ai sindacati che puntano l'attenzione sui livelli occupazioni, fino alle associazioni dei consumatori che chiedono rassicurazioni per i clienti.

Telecom passerà in mani spagnole in seguito all'accordo raggiunto nella notte tra gli iberici di Telefonica e i soci italiani, Intesa Sanpaolo, Mediobanca e Generali, presenti in Telco, la holding che controlla Telecom Italia con il 22,4% del capitale. Air France-Klm invece ha intenzione di prendere parte all’aumento di capitale di Alitalia arrivando al 50%.

IL PD - "Il governo riferisca al più presto in Senato sulle vicende Telecom e Alitalia", ha chiesto dal canto suo il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda. "Le vicende contestuali di Alitalia e Telecom rappresentano in modo impietoso l'esito di una lunga catena di errori in gran parte dovuti all'assenza ventennale di una politica industriale e, conseguentemente, alla prevalenza degli interessi privati sugli interessi pubblici - ha affermato Zanda in una nota - è necessario che il governo venga al più presto in Senato a riferire sul grave declino del sistema industriale italiano che coinvolge due imprese strategiche per i nostri servizi pubblici". Secondo Zanda "l'Italia sta perdendo il controllo di una grande società che, prima di essere privatizzata (nel 1997) era all'avanguardia tecnologica, non aveva debiti ed era in grado di crescere in Italia e nel mondo. Oggi Telefonica, il cui principale asset è un debito di 66 miliardi, sta assumendo il controllo di Telecom con poche centinaia di milioni".

IL PDL - "La vendita di Telecom alla spagnola Telefonica rappresenta un vero disastro per il sistema industriale italiano. Per di piu la Telefonica è oberata di debiti per cui non si sa il destino complessivo di tutta l'operazione. Sulla Telecom si sono esercitati in molti compresi alcuni 'imprenditori coraggiosi' vicini alla sinistra. L'esito complessivo è una catastrofe che pagheremo caro per quello che riguarda la qualità del sistema industriale italiano", ha affermato in una dichiarazione il presidente Pdl della commissione Esteri della Camera, Fabrizio Cicchitto. "La cessione di Telecom è una grande sconfitta del sistema industriale italiano", ha affermato l'ex ministro Pdl Gianni Alemanno, commentando l'accordo Telecom-Telefonica. "Si tratta di un colpo duro, anche perché prima nella telefonia eravamo all'avanguardia e ora invece siamo nella retroguardia, come è successo per l'informatica. E questo - ha sottolineato - va aggiungersi alla situazione dell'Alitalia dove andiamo a passo veloce verso una compagnia completamente francese: quindi pezzo dopo pezzo il sistema dell'economia del nostro paese si sta sbriciolando".

I CONSUMATORI - Con Telecom in mano agli spagnoli di Telefonica, il Codacons chiede ora precise garanzie per gli utenti. L'associazione dei consumatori chiede, ad esempio, di eliminare il canone Telecom che, si legge in una nota, "al limite dovrebbe confluire allo Stato per finanziare la banda larga veloce e non certo arricchire gli azionisti spagnoli". Inoltre, "gli organi di gestione della nuova Telecom andrebbero aperti ai piccoli azionisti e agli utenti" e "andrebbero eliminate le penali che pagano gli utenti quando abbandonano la compagnia telefonica, penali eliminate formalmente dalla prima lenzuolata Bersani ma rientrate dalla finestra sotto forma di spese, in realtà inesistenti".

I SINDACATI - Si è appellata al governo anche la Cisl: "Bisogna che il governo attivi immediatamente un tavolo di confronto per capire cosa intende fare perché la proprietà della rete non sia un'esclusiva dell'azienda spagnola", ha chiesto il segretario confederale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando l'accordo raggiunto tra Telco e Telefonica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telecom e Alitalia, pressing di Pd e Pdl: "Il governo chiarisca"

Today è in caricamento