Giovedì, 29 Luglio 2021
Delitto di Pordenone

Delitto di Pordenone: Giosuè Ruotolo arrestato per l'omicidio dei due fidanzati

Agli arresti domiciliari anche la compagna Rosaria Patrone. L'ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal Gip Alberto Rossi. Il legale: "Colti di sorpresa, dimostreremo la sua estraneità ai fatti"

È stato arrestato Giosuè Ruotolo, 26 anni, indagato per la morte di Trifone Ragone e della fidanzata, Teresa Costanza. Anche la fidanzata di Ruotolo, Rosaria Patrone, è stata fermata; si trova agli arresti domiciliari. Ruotolo è stato associato al carcere di Belluno. L'ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal Gip del tribunale di Pordenone Alberto Rossi. 

L'AVVOCATO: "COLTI DI SORPRESA" - "L'arresto del mio assistito Giosuè Ruotolo ci coglie completamente di sorpresa perchè sono passati sei mesi dall'iscrizione del registro degli indagati e non capiamo quali circostanze possono essere mutate rispetto ad allora per giustificare questo provvedimento". Così da Vicenza l'avvocato Roberto Rigoni Stern.

"Paradossalmente - prosegue il legale in una dichiarazione - ci fa uscire da una incredibile situazione di sospensione in cui eravamo tenuti dalla fine del mese di settembre senza poter accedere in alcun modo agli atti dell'inchiesta. Appena letta la motivazione con cui il Gip ha accettato la proposta di arresto giunta dalla Procura presenteremo immediata istanza al tribunale del riesame di Trieste affinchè Ruotolo torni immediatamente in libertà. Siamo sempre più persuasi di poter dimostrare la sua estraneità ai fatti e proprio l'accesso agli atti ci garantirà un contradditorio e la spiegazione ai punti interrogativi sollecitati dall'accusa".

I FATTI E LE ACCUSE - I due fidanzati sono stati assassinati nel parcheggio del Palasport di Pordenone il 17 marzo dello scorso anno. Il militare fermato questa sera viveva all'interno della nuova caserma di Pordenone in cui è stato trasferito da qualche settimana. La sua fidanzata Rosaria Patrone è indagata con l'accusa di favoreggiamento o, in alternativa, istigazione del delitto. Dopo lunghi ed approfonditi mesi di indagine, la Procura di Pordenone aveva spedito, nei giorni scorsi, gli atti al Gip perchè valutasse la posizione di Ruotolo, riscontrando contraddizioni tra quanto accertato durante le indagini e il primo interrogatorio del giovane arrestato questa sera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto di Pordenone: Giosuè Ruotolo arrestato per l'omicidio dei due fidanzati

Today è in caricamento