Lunedì, 8 Marzo 2021

Terremoto di magnitudo 6 a Petrinja in Croazia, avvertito anche nel Nord-Est dell'Italia

L'epicentro a 100 km da Zagabria. Sentito anche a Trieste, Udine, Bologna, Bolzano e in Veneto. L'epicentro a Petrinja vicino Zagabria

Fortissima scossa di terremoto a Trieste pochi minuti fa, alle 12.20. La terra ha tremato per diversi secondi. La scossa è stata avvertita in diverse parti della regione come a Udine ma anche in Emilia-Romagna e in Veneto. Epicentro principale ancora in Crozia ad un centinaio di chilometri da Zagabria. La scossa di terremoto è stata chiaramente avvertita sulla costa romagnola e marchigiana alle 12.22. I lampadari delle abitazioni, anche ai piani bassi, hanno oscillato. 

Terremoto di magnitudo 6 in Croazia, avvertito anche nel Nord-Est dell'Italia

Secondo l'Emsn, Centro sismologico euromediterraneo, un sisma di magnitudo 6,3 della scala Richter è stato registrato a sud di Zagabria. Si tratterebbe del più violento terremoto mai registrato in Croazia. L'Ingv dice che la scossa è stata avvertita anche a Napoli e in Campania. La scossa è stata avvertita distintamente in tutte le Marche, con vibrazioni di mobili e lampadari ondeggianti, da San Benedetto del Tronto ad Ancona fino a Pesaro. 

Il centro di Petrinja sarebbe stato completamente distrutto. Come riferiscono i media locali, per ora vi sarebbe una vittima, un minore. "Le prime scene di Petrinja sono davvero drammatiche, ci sono molte macerie", si legge sul sito web di Radio Sarajevo. In un tweet la Croce Rossa Croata, intervenuta per i soccorsi, parla di "situazione molto grave". Anche a Zagabria si avverte il suono di molte sirene. Il sindaco di Petrinja, Darinko Dumbovic, ha dichiarato che metà della cittadina croata è distrutta 

"Si tratta probabilmente della stessa sequenza di ieri, quando ci sono state scosse fino a magnitudo 5 - spiega all'AGI Alessandro Amato dell'Ingv - e purtroppo il versante adriatico propaga con molta intensità, quindi non sorprende si sia avvertito nel nord est italiano e anche al Centro". La scossa è stata avvertita anche nella conca di Bolzano. A Zagabria è saltata l'erogazione di energia elettrica, e la popolazione è impaurita. La città fu colpita il 22 marzo scorso da in forte sisma di magnitudo 5.5 con gravi danni materiali. Quello di oggi è il terremoto più violento registratosi in Croazia. Anche in Italia la Protezione civile Fvg che sta ricevendo centinaia di telefonate da parte di persone allarmate da ogni angolo della regione.

Alcune scosse di assestamento si erano verificate nella notte tra Petrinja e Sisak, le due località a sud di Zagabria colpite ieri mattina da tre forti scosse di magnitudo 5.2, 4.7 e 4.1. Rilevanti i danni materiali, ma per fortuna non ci sono state vittime o feriti. Quelle della notte sono state di magnitudo fra il 3.0 e il 2.5. La popolazione, ancora impaurita per il forte terremoto di ieri, non si è tuttavia riversata nelle strade. Sono tra 1.500 e 2 mila, stando ai media regionali, le case e gli edifici pubblici danneggiati in varia misura nella zona interessata dal sisma, dove ieri si sono subito recati il presidente Zoran Milanovic e il premier Andrej Plenkovic, che hanno dato assicurazione su aiuti per il pieno ripristino delle strutture danneggiate. 

La scossa di terremoto di magnitudo 6 avvenuta in Croazia è stata avvertita in Alto Adige. Ai piani alti i lampadari si muovevano e la scossa è stata avvertita distintamente. Per il momento non si segnalano danni.

Terremoto in Croazia, epicentro a Petrinja

L'epicentro del forte terremoto di magnitudo 6.3 in Croazia è stato localizzato intorno a Petrinja, una cinquantina di km a sud di Zagabria, una regione già colpita ieri da scose sismiche. I media regionali parlano di gravi danni a Petrinja, con edifici crollati, interruzione di elettricità e linee telefoniche. Il terremoto è stato avvertito in tutta la roazia ma anche in Serbia e Bosnia-Erzegovina 

Secondo quanto si legge sull'account twitter dell'Ingv, il terremoto di magnitudo 6,4, è stato registrato alle 12.19, ad una profondità di 10 chilometri. L'epicentro è stato localizzato a Petrinja, 44 chilometri a sudest di Zagabria, secondo il Gfz, il German Research Centre for Geosciences. Ieri in Croazia era stata registrata una scossa di magnitudo 5.2.

Il terremoto di magnitudo provvisoria 6,3 è avvenuto in Croazia ed è stato avvertito in Italia, lungo la costa Adriatica, da Trieste all'Abruzzo, secondo le prime stime dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). A Trieste tanta paura, ma sembra senza danni.

L'Ingv scrive che il sisma è stato registrato alle 12.19, nella zona a sud di Zagabria, a una profondità di 10 chilometri. Nella stessa area erano stati registrati ieri, 28 dicembre, due terremoti di magnitudo 5.2 e 4.9, rispettivamente alle 6:28 e 7:49 (ora italiana). Al momento si sta registrando un’attività sostenuta di repliche, la più forte delle quali al momento (le 14 del 29) ha avuto magnitudo 4.4 alle 13:34.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto di magnitudo 6 a Petrinja in Croazia, avvertito anche nel Nord-Est dell'Italia

Today è in caricamento