Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

Terremoto, le scosse continue e l'appello alla politica: "Niente scuse, vogliamo tornare nelle nostre case"

Il monito dei terremotati del Centro Italia al commissario governativo Paola De Micheli: "Avanti con la ricostruzione nonostante le scosse. La gente è esasperata ed esige risposte"

I danni alle Sae (Soluzioni abitative d'emergenza) a Pieve Torina, dopo la scossa di terremoto di martedì 10 aprile 2018

Impossibile dominare la paura. Difficile vivere con l'ansia continua di una nuova scossa. Il terremoto continua a non dar tregua alle martoriate popolazioni del Centro Italia, con una serie di scosse di intensità crescente culminate con quella di magnitudo 4.6 a Muccia (Macerata) nella notte tra il 9 e il 10 marzo. E' stata un'altra notte di paura nelle Marche. Scuole chiuse, nuovi danni ancora da quantificare e tanta paura per gli abitanti della zona, sottoposti ormai da troppo tempo a un incubo che sembra non finire mai.

Secondo l'Ingv, questi movimenti tellurici sono scosse di assestamento imputabili allo sciame sismico iniziato nell’agosto 2016: "Gli eventi avvenuti negli ultimi giorni in questa zona ricadono nell’area della sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 con l’evento di magnitudo 6.0 avvenuto nei pressi di Amatrice e Accumoli e culminato con l’evento sismico del 30 ottobre 2016 di magnitudo 6.5". Ma se da parte dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia arrivano delle rassicurazioni, quantomeno sul piano previsionale, poche sono le speranze e le risposte date alle popolazioni dagli amministratori, in questo momento di impasse governativa che non accenna a risolversi. A quasi due anni dall’inizio dell’emergenza e con una serie di errori gestionali alle spalle, le popolazioni del Centro Italia hanno bisogno del famoso e tanto auspicato "cambio di passo" per ritornare alla normalità.

"Casette scadenti, qui la gente non ce la fa più"

Dal Comitato Terremoto Centro Italia arriva un appello al Commissario straordinario del governo per la ricostruzione sisma 2016, Paola De Micheli. "Non abbiamo tempo. E' importante tornare al più presto nelle proprie case. Per questo lancio un appello alla politica: si devono sbloccare le pratiche per la ricostruzione". Così Francesco Pastorella, coordinatore del Comitato, ha commentato subito dopo la forte scossa della scorsa notte. "Il Commissario De Micheli deve intervenire urgentemente sburocratizzando le pratiche per la ricostruzione. Mi auguro che nessuno approfitti di questi nuovi eventi per accampare scuse sui ritardi. Non si deve ricominciare da capo perché le scosse si intensificano. Si deve velocizzare una procedura che ancora stenta a partire. Bene i nuovi controlli e le verifiche, ma non dimentichiamo che ci sono ancora migliaia di richieste di intervento su abitazioni con danni lievi inevase. La gente è esasperata ed esige risposte che, evidentemente, in questo momento dal Governo non arrivano. La tenuta psicologica delle popolazioni coinvolte in questo evento epocale è messa a dura prova da quasi due anni. E' ora di mettere in atto azioni concrete per chi vuole vedere rinascere il proprio territorio".

La terra continua a tremare nelle Marche: nuova notte di paura

Il capo della Protezione Civile Borrelli ha assicurato che nella zona verranno inviate al più presto squadre di psicologi per far fronte a questa nuova escalation sismica e che la zona del cratere deve essere identificata e perimetrata in base alle reali criticità al fine di garantire i corretti interventi e i relativi fondi a disposizione. "Il coordinamento dei Comitati del Centro Italia - scrivono i coordinatori Francesco Pastorella e Francesca Mileto - continuerà a monitorare la situazione e a denunciare le eventuali mancanze". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, le scosse continue e l'appello alla politica: "Niente scuse, vogliamo tornare nelle nostre case"

Today è in caricamento