rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca Pescara

Il terremoto fa una vittima a Teramo: shock sul Gran Sasso, valanga su resort Rigopiano

Recuperato il cadavere di un 83enne a Castel Castagna, nel teramano. Una enorme slavina ha investito l'hotel resort Rigopiano di Farindola alle falde del Gran Sasso. All'interno una ventina di persone isolate da una bufera di neve che impedisce i soccorsi

Il terremoto che ha colpito il Centro Italia mercoledì 18 gennaio ha causato un morto nel teramano: il cadavere di un 83enne è stato estratto dai vigili del fuoco dalle macerie della sua stalla in una frazione di Castel Castagna.

Un uomo di 60 anni è disperso invece sotto la slavina che si è staccata colpendo le case di Ortolano, frazione del comune di Campotosto (L'Aquila), le operazioni sono state interrotte con l'arrivo dell'oscurità e proseguiranno domani.

Una 30enne e un 17enne sono state salvate a Castiglione Messer Raimondo dai vigili del fuoco, estratti da sotto le macerie di un agriturismo nel paesino teramano: erano in ipotermia. Dopo ore di lavoro sotto una bufera di neve i vigili del fuoco sono riusciti a consegnare i due feriti al 118 e a permettere che i mezzi di soccorso raggiungessero l'ospedale.

Una slavina di enormi dimensioni è crollata sull'hotel resort Rigopiano di Farindola, alle falde del Gran Sasso, vicino a Penne in provincia di Pescara facendo cadere il tetto della struttura. Non si conoscono al momento le conseguenze del crollo, ma a dare l'allarme sarebbe stato un cliente che al momento del crollo si trovava fuori dalla struttura. Sul posto sono immediatamente stati inviati vigili del fuoco, protezione civile e ambulanze, procedute da una turbina spalaneve, ma la neve rende tutto più difficile.

"Aiuto, stiamo morendo di freddo". Questo il contenuto di un Sms che i due clienti dell'Hotel Rigopiano hanno inviato ai soccorritori. Altre slavine hanno trascinato sulla strada alberi e pietre che devono essere rimossi prima che la turbina possa passare. Nel frattempo un gruppo del Corpo nazionale alpino si sta dirigendo con gli sci verso l'albergo.

Segui gli aggiornamenti su Il Pescara

"Purtroppo è accaduta una terribile tragedia sembrerebbe ci siano delle vittime, ma è tutto da confermare" scrive su Facebook il presidente della provincia di Pescara Antonio Di Marco. "A Rigopiano è in atto una bufera di neve. In albergo c'erano 20 ospiti", conclude Di Marco. La distanza da percorrere è di 45 chilometri da Pescara a Farindola e di altri 9 da Farindola fino alla frazione di Rigopiano. Non è quindi escluso che ci vogliano altre 2 o 3 ore perché i soccorsi arrivino sul posto.

Tragedia sfiorata sempre a Penne dove è crollato il tetto al supermercato Lidl. Danni seri alla struttura che risulta inagibile ma per fortuna nessun cliente è rimasto ferito.

pescara lidl-2

Nessuna conseguenza nemmeno per i dipendenti. Ora saranno avviate verifiche sulle cause del crollo, legato probabilmente al peso eccessivo della neve sul tetto o alle scosse di terremoto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il terremoto fa una vittima a Teramo: shock sul Gran Sasso, valanga su resort Rigopiano

Today è in caricamento