rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Suicidi

La madre di Tiziana Cantone: "Se mia figlia è morta è colpa dei magistrati"

Sono le dure affermazioni di Teresa Giglio, dopo che il Gip ha archiviato la posizione dei cinque ragazzi indagati per diffamazione

“Se mia figlia è morta, la colpa è dei magistrati che non hanno fatto il loro dovere”. È la dura affermazione di Teresa Giglio, la madre di Tiziana Cantone, dopo che il Gip ha archiviato la posizione dei cinque ragazzi indagati per diffamazione, accusati di aver diffuso su internet il video hard che la 31enne di Mugnano – morta suicida lo scorso settembre – inviò loro.

“Sono molto amareggiata per l'archiviazione disposta dal Gip a carico dei cinque ragazzi cui mia figlia aveva inviato i video da lei girati – ha sottolineato la Giglio – Se mia figlia è morta la colpa è dei magistrati che non hanno fatto il loro dovere, in particolare del pm Alessandro Milita che per primo ha indagato”.

LA RISPOSTA DEL PM - "Non rispondo alle parole di Teresa Giglio, mi riservo solo di valutare con i miei legali se presentare querela per diffamazione dopo che avrò letto le sue dichiarazioni", ha riferito all'Ansa il procuratore aggiunto di Santa Maria Capua Vetere, Alessandro Milita, che si è occupato del caso in passato anche se non come primo pm, come precisa.

La notizia su NapoliToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La madre di Tiziana Cantone: "Se mia figlia è morta è colpa dei magistrati"

Today è in caricamento