rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Suicidi

Tiziana Cantone, archiviata la posizione dei sei indagati

Prosciolti da ogni accusa i cinque ragazzi indagati per aver diffuso il video. Il Gip ha disposto un supplemento di indagini per verificare eventuali responsabilità di Facebook per violazione della privacy

Potrebbe concludersi con un nulla di fatto l’inchiesta sulla morte di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano suicida nel settembre scorso dopo la diffusione in Rete di alcuni video hard che la ritraevano.

Il Gip Tommaso Perrella ha infatti disposto l'archiviazione della posizione dei sei indagati per diffamazione, cinque ragazzi e il padre di uno di loro, chiamati in causa proprio dalla ragazza nel 2015.

Il magistrato ha però chiesto un supplemento di indagini per verificare eventuali responsabilità di Facebook Italia per violazione della privacy. Il social network era stato già tirato in ballo lo scorso novembre dal tribunale di Aversa per non aver rimosso alcune pagine che rinviavano al video hard di Tiziana, nonostante una diffida presentata dalla stessa vittima.

"Non cerchiamo un capro espiatorio - è la dichiarazione alla stampa di Giuseppe Marazzita, legale della madre di Tiziana, Teresa Giglio - ma di certo la diffamazione ai danni di Tiziana c'è stata, ed è una delle cause del suo gesto".

La notizia su NapoliToday
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiziana Cantone, archiviata la posizione dei sei indagati

Today è in caricamento