Mercoledì, 4 Agosto 2021
Caso Soldi

Morto durante Tso, l'autopsia rivela: collo stretto per troppo tempo

Potrebbe essere una delle concause della morte di Andrea Soldi, 45enne affetto da schizofrenia. La manovra coercitiva sarebbe stata esercitata per un tempo ritenuto eccessivo dai periti

TORINO - Andrea non è morto per strangolamento ma quella manovra che gli hanno fatto per tenerlo fermo potrebbe essergli stata fatale. Così quella maledetta stretta al collo sarebbe stata esercitata per troppo tempo e, anche se non è morto per quello, la si considera una concausa. Le prime luci sul caso di Andrea Soldi, il 45enne torinese morto dopo un Tso, iniziano a emergere: le prime rivelazione dell'autopsia effettuata sul corpo dell'uomo arrivano a queste conclusioni. 

Andrea era molto conosciuto nel suo quartiere, amato da parenti e amici. Ma quella patologia di cui era schiavo non gli dava pace. Così il trattamento sanitario obbligatorio era stato chiesto dai suoi familiari. Ma non potevano certo pensare che le cose sarebbero andate così: per immobilizzarlo, gli è stato stretto il collo, forte e per troppo tempo. Inoltre sembra proprio che quando l'uomo è stato caricato sull'ambulanza le manovre per la rianimazione erano impedite: Andrea era prono ed era stato ammanettato. 

I FUNERALI - Nei prossimi giorni si svolgeranno i funerali dell'uomo nella sua città, quella Torino che non lo dimentica e vuole salutarlo per l'ultima volta. La cerimonia si svolgerà presso la parrocchia di San Francesco d'Assisi, la più vicina al suo quartiere. Sulla sua morte rimangono diversi punti da chiarire e ora la palla passa al pubblico ministero Raffaele Guariniello perché ancora in molti, tra parenti amici e legali, si chiedono quanto fosse necessario effettuare quelle mosse che, in qualche modo, lo hanno portato alla morte. (da TorinoToday)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto durante Tso, l'autopsia rivela: collo stretto per troppo tempo

Today è in caricamento