Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Torino

Indagati i genitori della bambina colpita dal tetano perché non era stata vaccinata

La procura ha deciso di indagare i genitori per lesioni colpose. La piccola era stata ricoverata all'ospedale Regina Margherita del capoluogo piemontese in preda alle convulsioni

Una bambina di 7 anni, non vaccinata, aveva contratto lo scorso autunno il tetano, e aveva rischiato di morire. La procura di Torino ha deciso di indagare i genitori per lesioni colpose.

La piccola era stata ricoverata all'ospedale infantile Regina Margherita del capoluogo piemontese in preda alle convulsioni. I medici non impiegarono molto tempo per la diagnosi: tetano.

In Italia ci sono meno di 50 casi all'anno di tetano, perché il vaccino è obbligatorio da mezzo secolo.

Presto si scoprì che sia la piccola sia il suo fratellino non erano mai stati vaccinati contro alcuna malattia. Per questa ragione papà e mamma sono stati chiamati in questi giorni dal procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo a rispondere del reato di lesioni colpose.

I vaccini erano poi stati somministrati a entrambi i bambini in ospedale, ma il magistrato ha già conferito incarichi a esperti per stabilire se la malattia abbia potuto lasciare conseguenze permanenti nella bambina, scrive TorinoToday.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagati i genitori della bambina colpita dal tetano perché non era stata vaccinata

Today è in caricamento