rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
TORINO

Torino, la maestra contro i poliziotti: "Dovete morire". Aperto un procedimento disciplinare

Il ministro Valeria Fedeli: "Parole inaccettabili da una docente". Stefano Esposito (Pd) attacca: "E' vicina ad uno dei centri sociali più violenti d'Italia"

"È inaccettabile ascoltare dalla voce di una docente parole di odio e di violenza contro le Forze dell’Ordine. Il rispetto per chi serve lo Stato, per chi, come quella sera a Torino, stava compiendo il proprio dovere per garantire la sicurezza dei cittadini, è sempre dovuto. Sempre e da chiunque. E a maggior ragione da una insegnante, il cui ruolo è non solo quello di trasmettere nuovi saperi e nuove competenze, ma anche quello di educare le nuove generazioni ai valori della legalità, del rispetto reciproco, della convivenza democratica".

E' quanto scrive il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli a proposito dell'insegnante di Torino che ha augurato la morte ai poliziotti durante un corteo antifascista. 

Per nulla pentita Lavinia Flavia Cassaro, questo il nome della maestra, ha ribadito a Matrix la sua ferrea convinzione: "Ho augurato la morte ai poliziotti perché stanno proteggendo il fascismo. Non ho sbagliato ad augurare loro la morte", ha confermato ai microfoni del programma Mediaset condotto da Nicola Porro.

Contro l'insegnante è stato aperto un processo disciplinare, come annunciato dalla stessa Fedeli: appena avuta segnalazione di quanto avvenuto, si legge nella nota del ministro, il Miur "è intervenuto attraverso l’Ufficio scolastico regionale del Piemonte, che dopo aver svolto i necessari approfondimenti, mi ha informato che in data odierna è stato avviato un procedimento disciplinare". 

Per la Fedeli è "doppiamente inaccettabile che una insegnante inveisca con parole di odio proprio contro quelle Forze dell’Ordine che sono una parte fondamentale della nostra istituzione democratica, che quotidianamente svolgono una funzione fondamentale nel Paese a presidio democratico della vita di tutti noi".

Contro la maestra si è levato uno stuolo di voci critiche, sia da destra che da sinistra. Per Renzi l'insegnate "va licenziata su due piedi". Secondo Stefano Esposito del Pd: "Lavinia Flavia Cassaro è pluridenunciata" ed "è vicina al centro sociale Askatasuna, uno dei più violenti d’Italia, ha augurato la morte ai poliziotti e non ha neanche chiesto scusa, anzi. Una così non può insegnare. Se non licenziamo lei...".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, la maestra contro i poliziotti: "Dovete morire". Aperto un procedimento disciplinare

Today è in caricamento