Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

Totò Riina, ora lo Stato chiede il conto agli eredi: cartella da due milioni di euro

Maxi rimborso per le spese relative alla detenzione in carcere. A notificare la cartella esattoriale da pagare (a Ninetta Bagarella) è stata Riscossione Sicilia:

Un conto da due milioni di euro per la detenzione del capomafia arrestato a Palermo il 15 gennaio 1993, dopo 23 anni di latitanza. A notificare la cartella esattoriale da pagare a Ninetta Bagarella, moglie di Totò Riina, è stata Riscossione Sicilia, la società che riscuote i tributi nell'isola.

La procedura di recupero del credito è stata attivata dal carcere di Parma, l'ultimo istituto penitenziario in cui Riina è stato detenuto ed è morto, attraverso il ministero della Giustizia. 

Così l'avvocato Luca Cianferoni, che per anni ha difeso Totò Riina, commenta con l'Adnkronos la notizia: "Una boutade, ci avevano già provato quando Riina era vivo. E adesso si rifanno vivi anche con i suoi  eredi...". Due milioni di euro: è quanto dunque sarebbero costati i 24 anni di carcere duro scontati dal capo dei capi.

"E' una boutade - dice ancora Cianferoni - ripeto - Agli altri,  come ai Provenzano o ai Morabito, è stata recapitata la cartella esattoriale?. E' una partita di giro contabile...". Sembra che la  famiglia abbia rinunciato formalmente alla eredità del capomafia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Totò Riina, ora lo Stato chiede il conto agli eredi: cartella da due milioni di euro
Today è in caricamento