Mercoledì, 3 Marzo 2021
Chieti

Tragedia di Francavilla, Ludovica fu sedata dal padre

Le prime risultanze degli esami tossicologici hanno confermato che nel corpo della piccola è stato trovato un quantitativo notevole di benzodiazepine

Ansa

La piccola Ludovica è stata sedata dal padre prima di essere lanciata dal cavalcavia della A14 la mattina di domenica 20 maggio scorso.

I risultati delle analisi - scrive ChietiToday - parlano infatti di un quantitativo notevole di benzodiazepine nel corpo della bimba di dieci anni, figlia di Fausto Filippone, il manager che lo scorso 20 maggio dopo aver spinto la moglie Marina Angrilli dal secondo piano di casa a Chieti Scalo, ha ucciso anche la figlia, per suicidarsi dallo stesso cavalcavia dopo 7 ore.

Sono stai diffusi anche i risultati tossicologici sui corpi di Filippone e della moglie: non è stata rinvenuta traccia di alcuna sostanza.

Nella vettura del manager gli inquirenti hanno trovato un bicchiere di plastica con cinquanta grammi di una polvere biancastra che, ad un prima analisi, è risultata contenere cocaina ma anche una sostanza diversa, scrive Il Pescara. In auto c'era anche una siringa usata, al cui interno erano presenti un paio di gocce di una sostanza da identificare. 

La Procura della Repubblica di Chieti, secondo quanto apprende Il Pescara da fonti investigative, attraverso il sostituto procuratore Anna Lucia Campo, titolare dell'inchiesta, ha affidato una consulenza sui due reperti (bicchiere e siringa) trovati a bordo dell'auto di Filippone, una Bmw X1, perquisita subito dopo il suicidio dell'uomo.

L'ultimo saluto a Marina e Ludovica, vittime della follia di Filippone: "Il male le ha rapite" 

Una seconda consulenza è stata affidata a un tecnico informatico, Davide Ortolano, per esaminare i telefoni cellulari di Filippone e della moglie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia di Francavilla, Ludovica fu sedata dal padre

Today è in caricamento