rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Trento

Giovane di 30 anni trovato morto in casa: ipotesi gioco erotico finito in tragedia

Il cadavere è stato rinvenuto in un'abitazione di Trento. A lanciare l'allarme è stato un 60enne di Bologna impegnato in un gioco "hot" via Skype con il ragazzo

Un ragazzo di trent'anni è stato trovato morto nella sua casa a Trento. Secondo i primi riscontri, l'uomo sarebbe morto per asfissia dopo esser rimasto impiccato a una cintura agganciata al soffitto di casa. A trovare il corpo del giovane, nella serata di lunedì 25 novembre, è stata la polizia di Trento intervenuta sul posto insieme al 118 nell’abitazione.

L’ipotesi più accreditata è che il giovane sia morto in seguito ad un gioco erotico finito in tragedia. Almeno stando alla ricostruzione dei fatti dei carabinieri dell'Arma di Bologna, che hanno avviato l'indagine a seguito della segnalazione partita da un sessantenne.

Giovane trovato morto in casa: le indagini partite da Bologna

L'uomo, presentatosi sabato scorso in caserma nel capoluogo felsineo, ha raccontato di essere preoccupato per quanto accaduto nella notte, quando era impegnato in un gioco "hot" via Skype con un giovane. Il 60enne pensava infatti potesse essere accaduto qualcosa di grave, non riuscendo più a mettersi in contatto con l'amico.

Avviate le indagini, sulla base dell'indirizzo ip, si è risaliti al domicilio del giovane, dove è poi stato ritrovato il suo corpo senza vita. 
Dall'analisi dei messaggi intercorsi in chat tra i due uomini e i successivi riscontri investigativi - fanno sapere i militari dell'Arma di Bologna - troverebbe riscontro la versione fornita dal sessantenne e il decesso non sarebbe riconducibile a cusa diversa se non a morte accidentale a seguito di una pericolosa performance.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane di 30 anni trovato morto in casa: ipotesi gioco erotico finito in tragedia

Today è in caricamento