Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Lodi

Uccise un ladro, cade l'accusa di omicidio: "E' eccesso colposo di legittima difesa"

Lʼavvocato difensore di Mario Cattaneo: "Soddisfatto a metà"

Il ristoratore Mario Cattaneo | ANSA / FLAVIA MAZZA

Cade l’accusa di omicidio volontario per Mario Cattaneo, il ristoratore di Casaletto Lodigiano che il 10 marzo scorso sparò un colpo di fucile contro il ladro che si era introdotto nella sua trattoria, uccidendolo. Ieri il pm di Lodi, Laura Siani, ha chiuso le indagini derubricando l’ipotesi di reato inizialmente contestata al ristoratore in quella di eccesso colposo di legittima difesa.

Il ristoratore 67enne aveva trovato la porta della sua osteria chiusa dall’interno, bloccata da un mobile e una corda di nylon. Cattaneo ha raccontato di averla sfondata per introdursi nel locale armato di fucile da caccia. Il colpo sarebbe partito accidentalmente durante la colluttazione con uno di malviventi che, nel tentativo di disarmarlo, aveva afferrato la canna della doppietta.

La conferma arriva dal difensore di Cattaneo, l’avvocato Vincenzo Stochino, che si definisce “soddisfatto a metà” perché “in realtà mi sarei aspettato un provvedimento di archiviazione”. Gli accertamenti tecnico-balistici effettuati dagli investigatori del Ris di Parma, ha spiegato il legale, dimostrano che “il colpo di fucile è partito accidentalmente”, durante “una colluttazione” tra l’oste il malvivente, quando Cattaneo “era praticamente già caduto a terra”.

Ulteriore conferma, sempre secondo il difensore, arriva anche dalle tracce genetiche che gli esperti del Ris hanno estrapolato dall’arma: Dna che non corrisponde a quello di Cattaneo ma che invece apparterrebbe a uno degli altri componenti della banda. Prima di scappare e far perdere le proprie tracce (nessuno dei ladri fuggiti è stato ancora individuato), uno di loro avrebbe dunque aggredito l’oste nel tentativo di strappargli il fucile di mano. “E’ chiaro – ha sottolineato ancora il legale – che nella colluttazione è partito un colpo”.

Argomentazioni che l’avvocato Stochino metterà nero su bianco in una memoria difensiva da depositare nei prossimi giorni. La sua speranza è quella di incassare una sentenza di proscioglimento già in fase di udienza preliminare. Perché l’importante, ha messo in chiaro, è “evitare che Cattaneo affronti il processo”.

mario cattaneo calderoli-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise un ladro, cade l'accusa di omicidio: "E' eccesso colposo di legittima difesa"

Today è in caricamento