Mercoledì, 25 Novembre 2020
Terremoto

Quattro forti terremoti e un lungo sciame sismico: oltre cento scosse in poche ore

Ben sei le scosse di magnitudo superiore a 4 registrate dopo il primo sisma delle 10.25. E' l'ultimo bilancio della sequenza che sta colpendo il centro Italia reso noto dall'Ingv

Nell'area compresa tra la provincia dell'Aquila e quella di Rieti da questa mattina sono stati localizzati oltre 100 eventi sismici e quattro di magnitudo maggiore di 5, l'ultimo alle 14.33 di magnitudo 5.1. E' l'ultimo bilancio della sequenza che sta colpendo il centro Italia reso noto dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

LA PRIMA SCOSSA - In particolare, la prima forte scossa di magnitudo locale o Richter 5.3 - magnitudo momento 5.1, è stata registrata alle 10.25, ad una profondità di 9,2 di chilometri; i comuni, nell'aquilano, più vicini all'epicentro, entro dieci chilometri sono Montereale 3,1 km, Capitignano 4,3 km, Campotosto 9 km, Amatrice, nel reatino, 9,5 km. Dopo il primo evento sismico sono seguite 24 scosse di lieve entità (magnitudo attorno al 2.5) nella stessa provincia dell'Aquila, oltre che nella provincia di Rieti e di Macerata.

La seconda alle 11.14 a 9,1 km di profondità, con magnitudo richter 5.4 e magnitudo momento 5.5; i comuni, tutti nell'aquilano, più vicini all'epicentro, sono: Capitignano 1,8 km, Monterale 2,8 km, Campotosto 8 km, Barete 8,8 km, Cagnano Amiterno 9,2 km.

La terza scossa alle 11.25 a 8,9 km di profondità, magnitudo Richter 5.3 e momento 5.4; i comuni dell'epicentro: Capitignano 3 km, Barete 5,5 km, Montereale 5,8 km, Pizzoli 6,1 km, Cagnano Amiterno 8,4 km, Campotosto 8,8 km, sempre tutti nell'aquilano. Da allora, un lungo sciame sismico che ha colpito quasi sempre la provincia dell'Aquila e in qualche caso quella di Rieti con scosse di bassa magnitudo ogni pochi minuti (50 scosse solo nelle due ore successive). 

Alle 14.33, a 10 km di profondita, una nuova forte scossa di magnitudo Richter 5.1 e magnitudo momento 5.0; comuni dell'epicentro entro i dieci chilometri, tutti nell'aquilano: Barete 3 km, Pizzoli 4,4 km, Capitignano 5 km, Cagnano Amiterno 5,3 km, Montereale 5,4 km. Ma l'incubo non è finito per le zone nell'area del sisma: sono quasi cinquanta gli eventi sismici di minore entità registrati tra le 14.30 e le 16.30. Il più forte, di magnitudo 4.3, è stato rilevato dai sismografi alle 16.16. 

La sequenza sismica, nel suo complesso, ha registrato anche scosse di magnitudo pari o superiore a 4: magnitudo 4.7 alle 11.15, magnitudo 4.6 alle 11.16, magnitudo 4.1 alle 11.39, alle 11.24 magnitudo 4 tutte in provincia dell'Aquila, e una di magnitudo 4.1 alle 12.07 epicentro nel reatino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro forti terremoti e un lungo sciame sismico: oltre cento scosse in poche ore

Today è in caricamento