rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Crisi economica

Un milione di bambini italiani in povertà assoluta, colpa della crisi

Il dato allarmante emerge da un rapporto di Save the children: 1,3 milioni di minori sono in condizioni di disagio abitativo e le famiglie con figli hanno tagliato i consumi di 138 euro al mese

Il 30% in più in un solo anno. Percentuale che Save the Children registra sul rischio povertà assoluta dei bambini. Sarebbero circa 1,3 milioni nel nostro Paese i minori in condizioni di disagio abitativo: un dato allarmante, “una tenaglia di povertà e deprivazione che giorno dopo giorno stringe ai fianchi sempre più bambini e adolescenti, costringendoli a vivere un presente con pochissimo ossigeno: cibo al discount, pochi o nessun libro, scuola solo la mattina senza neanche un’ora in più per attività di svago e socializzazione, e poi a casa, in uno spazio piccolo e soffocante, nient’altro da fare nel tempo libero perché non ci sono soldi e gli aiuti che arrivano dai servizi sociali se ci sono, sono pochi, perché il Comune è in default” scrive l'associazione.
 
Inoltre per la prima volta è di segno negativo la percentuale di bambini presi in carico dagli asili pubblici, scesa dello 0,5 per cento. Anche le condizioni fisiche dei più piccoli sono riconducibili alla crisi: il 22,2% di ragazzini è in sovrappeso e il 10,6% in condizioni di obesità e questo avverrebbe perché il cibo buono costa e le famiglie con figli hanno ridotto i consumi e gli acquisti anche alimentari a 138 euro.

Calano anche le risorse per la salute: un bambino su tre non può permettersi un apparecchio per i denti e gli 11 euro mensili di budget delle famiglie più disagiate con minori, per libri e scuola, è una cifra di 20 volte inferiore a quella del 10% delle famiglie più ricche.

Nei 24 Paesi dell’Ocse, l’Italia è all’ultimo posto per competenze linguistiche e matematiche nella popolazione 16-64 anni e per investimenti in istruzione: +0,5% a fronte di un aumento medio del 62% negli altri Paesi europei. In più sono 758mila i ragazzi che lasciano la scuola e oltre 1 milione i giovani disoccupati.

"È il contrario di ciò che dovrebbe essere l’infanzia e di come dovrebbe essere il nostro paese per le sue giovani generazioni" afferma l'associazione che ha presentato 'L’Italia SottoSopra', il quarto Atlante dell’Infanzia (a rischio) in Italia diffuso alla presenza dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Vincenzo Spadafora, del Dirigente nel Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d’Italia Paolo Sestito, del Direttore Dipartimento Statistiche Sociali ed Ambientali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un milione di bambini italiani in povertà assoluta, colpa della crisi

Today è in caricamento