rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca

Gravi patologie dopo vaccino, una sentenza riconosce i danni dopo 42 anni: "Va risarcita"

Il Ministero della Salute condannato a risarcire una paziente che era stata vaccinata nel 1975, a soli sei mesi dalla nascita, riconoscendo il nesso tra quel vaccino e una grave patologia che si era svilupatta in seguito

Farà discutere la nuova sentenza che riconosce un nesso tra vaccini e una grave patologia, diventata definitiva dopo la conferma dello scorso novembre da parte Corte d'Appello civile di Milano della decisione con cui il Tribunale di Vigevano aveva condannato il minitero della Salute a versare l'indennizzo a una donna, oggi 42 anni, che era stata vaccinata a sei mesi. La sentenza è passata in giudicato poiché non è stata impugnata entro i termini.

Protagonista della vicenda appunto una donna della provincia di Pavia, nata nel 1975, e che a circa sei mesi dalla nascita era stata sottoposta al vaccino quadrivalente e, come ha riferito il suo legale, aveva iniziato a stare male e ad avere crisi epilettiche sempre più frequenti causate da un'encefalopatia a cui si sono aggiunte ad altre problematiche di grave disabilità (anche per queste ha un altro tipo di indennità).

Otto anni fa le era stato diagnosticato che l'encafalopatia era dovuta al vaccino quadrivalente al quale era stata sottoposta. Il padre aveva quindi deciso di fare causa al ministero della Salute. L'avvocato, Giuseppe Romeo, ha poi spiegato che il ministero è stato condannato a versare l'indennizzo previsto dalla legge, dopo una perizia che aveva stabilito che la vaccinazione "resta l'ipotesi (...) altamente più probabile" della causa della malattia che aveva colpito la neonata.

"È stato riconosciuto che il medico non fornì le informazioni necessarie su un possibile nesso tra vaccino e patologia, poi insorta, e conosciuto", ha detto l'avvocato al Corriere della Sera

La notizia su MilanoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gravi patologie dopo vaccino, una sentenza riconosce i danni dopo 42 anni: "Va risarcita"

Today è in caricamento