Giovedì, 23 Settembre 2021
Islam

Legittimo il divieto di velo negli ospedali: "È un sacrificio per la sicurezza pubblica"

Il tribunale di Milano ha respinto il ricorso presentato da alcune associazioni contro la decisione della Regione Lombardia di bandire veli e burqa nei luoghi pubblici. Per il giudice non si tratta di discriminazione, ma di un sacrificio giustificato da un fine legittimo

Immagine repertorio

Non è discriminatorio vietare il velo negli ospedali e in altri uffici aperti al pubblico. Lo ha stabilito il tribunale di Milano, respingendo un ricorso presentato da alcune associazioni contro la decisione della Regione Lombardia presa a dicembre 2015.

Il legislatore regionale stabilito il "giro di vite" in luoghi ritenuti particolarmente sensibili dal punto di vista della sicurezza: veli, ma anche caschi integrali e altri sistemi per occultare il volto comportano l'impossibilità pratica d'identificare la persona.

Il giudice riconosce, comunque, che la normativa comporta un sacrificio aggiuntivo per le donne musulmane, parte delle quali indossa il velo; e un sacrificio difficile perché si tratta di rinunciare ad un elemento del proprio credo religioso ("a prescindere - si legge - dall'interpretazione in merito all'obbligatorietà o meno": se una donna lo indossa, evidentemente ritiene che sia obbligatorio oppure altamente consigliabile). 

Tuttavia si tratta di un sacrificio proporzionato e giustificato da un fine legittimo. Proporzionato, perché in realtà non si va a vietare il velo in quanto tale, ma qualunque sistema per celare il volto, e solo per il tempo necessario a restare in ospedale; giustificato, perché il fine è quello della pubblica sicurezza e togliere il velo significa garantire la possibilità di identificazione e controllo.

Una curiosità, infine. Il giudice che ha respinto il ricorso, Martina Flamini, è la stessa che, recentemente, aveva invece condannato la Lega Nord per avere definito, su alcuni manifesti, "clandestini" i richiedenti asilo: che clandestini non sono affatto, perché hanno in tasca un permesso di soggiorno, seppure temporaneo e legato alla loro richiesta di asilo.

La notizia su MilanoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legittimo il divieto di velo negli ospedali: "È un sacrificio per la sicurezza pubblica"

Today è in caricamento