Giovedì, 24 Giugno 2021
Vicenza

Bimba di undici anni mutilata: il padre la costringe all'infibulazione

In osservanza delle tradizioni del suo Paese, un cittadino ghanese residente nel vicentino avrebbe costretto la figlia a sottoporsi ad un intervento di mutilazione vaginale. Un'operazione che le impedirà per sempre di provare piacere sessuale

Foto'd'archivio

VICENZA - La magistratura ha aperto un'inchiesta nei confronti di un operaio ghanese residente nel vicentino: secondo Il Giornale di Vicenza avrebbe portato la figlia in Africa per l'infibulazione. La bimba di undici anni era fortemente contraria e ha raccontato dell'operazione subita a gennaio ad una compagna di classe e ad un'insegnate. Immediata la segnalazione ai servizi sociali che hanno chiesto l'intervento alla procura. 

Il padre, un 40enne, avrebbe sfruttato il periodo delle vacanze natalizie per accompagnare la terza figlia, la prima femmina, dai parenti in Ghana, dove è stata sottoposta all'operazione di mutilazione vaginale.

Alla piccola era stato spiegato poco, ma fino all'ultimo, quando si è ritrovata in una sorta di ambulatorio gestito da tre donne, lei si sarebbe opposta trovando, però, il genitore inflessibile. 

Dopo il doloroso intervento, in cui viene asportato un piccolo lembo di pelle, la bimba avrebbe anche avuto un'infezione. Il padre è accusato di "lesioni gravissime", e il magistrato sta vagliando anche la "violenza privata".

La mutilazione, infatti, impedirà per sempre alla donna di provare piacere sessuale.

Ogni anno, secondo una stima di Amnesty international, sono circa 2 milioni le donne sottoposte allo stesso trattamento. (Da VicenzaToday)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimba di undici anni mutilata: il padre la costringe all'infibulazione

Today è in caricamento