Sabato, 13 Luglio 2024
Violenza sessuale / Reggio Calabria

Due ragazzine abusate dal branco, 4 arresti: c'è anche l'ex fidanzato di una delle vittime

Altre sedici persone sono indagate, tra loro quattro minorenni. Sono stati sequestrati telefoni e computer

Due ragazzine vittime di abusi sessuali e violenze. È l'atroce storia portata alla luce dalla polizia di Palmi. Quattro persone sono accusate di violenza sessuale aggravata. Tre sono state arrestate oggi, 15 novembre, mentre una è irreperibile. Le violenze sarebbero avvenute tra l'estate 2022 e il 2023 quando le vittime non avevano ancora compiuto 18 anni. Una delle ragazze sarebbe stata violentata più volte, l'altra in un'occasione.

Come si legge su ReggioToday, i tre arrestati sono tutti parenti di esponenti di vertice di cosche di 'ndrangheta, il quarto è invece parente di un amministratore locale. Uno degli arrestati è anche stato legato sentimentalmente a una delle vittime.

Ci sono anche sedici indagati (quattro sono minorenni, ndr) per i quali sono scattate perquisizioni personali e domiciliari. Sono stati sequestrati computer e telefoni. Le ragazze sono originarie della Piana di Gioia Tauro, le ordinanze sono state eseguite a Seminara (Reggio Calabria) e in alcune città del nord Italia. L'operazione - denominata "Masnada" - è stata condotta dal personale della squadra mobile di Reggio Calabria, dei commissariati distaccati di Gioia Tauro, Villa San Giovanni, Polistena, Cittanova e Taurianova, dalla squadra mobile di Treviso, Varese e Monza Brianza, e con il supporto degli equipaggi del Reparto prevenzione crimine di Siderno, Rende e Vibo Valentia. L'ipotesi è che i componenti del branco facessero tutti base in Calabria, anche se per motivi di studio o lavoro vivevano fuori dalla regione.

Le due vittime non hanno mai denunciato i loro aguzzini. L'indagine è nata quasi per caso, dalle intercettazioni fatte dalla polizia a carico di alcuni degli indagati per altre vicende.

"Il branco ha dato prova di una violenza inaudita e di una soggezione psicologica elevata", ha detto il procuratore di Palmi, Crescenti. "È stata un'indagine - ha aggiunto - che abbiamo condotto con dolore perché riguarda condotte che sono obiettivamente raccapriccianti. Le violenze del 'branco', a causa dei legami familiari degli indagati, hanno le stimmate della criminalità organizzata. Lavoreremo inoltre per verificare se, oltre alle due che abbiamo individuato, ci altre vittime di violenze. Stiamo verificando anche l'ipotesi che gli indagati fossero alla ricerca di altre vittime".

Continua a leggere su Today.it...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due ragazzine abusate dal branco, 4 arresti: c'è anche l'ex fidanzato di una delle vittime
Today è in caricamento