rotate-mobile
Sabato, 2 Marzo 2024
Cultura

Federico Ghiso, il raccontatore di giocattoli

Toystellers, una magica storia da collezione

Il libro più esclusivo e curioso del momento racconta storie di giocattoli, collezioni e collezionisti. A partire da quella di Federico Ghiso, autore e curatore di un volume davvero unico nel suo genere. Con un grande amore per i supereroi, da Big Jim a Goldrake, non è forse un caso che nella vita, muovendosi tra la sua Genova, Milano e Roma, Federico faccia il pubblicitario.  

È infatti grazie alle pubblicità viste in TV e sui giornalini che di diffonde il desiderio per quella meravigliosa invasione di giocattoli che tra la fine degli anni '70 e i primi anni '80 entrarono nei sogni e nelle camerette di milioni di bambini.  quando parla dei suoi giocattoli, prima ancora che del suo libro, Federico Ghiso si illumina. Forse perché non ha ancora smesso di guardare ciò che lo circonda con gli occhi curiosi di un bambino. Un sognatore o, più probabilmente, un raccontatore di giocattoli: perché i giocattoli, quando hanno una bella storia da raccontare, possono vivere per sempre. Anche grazie a Toystellers, più che un un libro un autentico scrigno delle meraviglie: come la bottega di Mr. Magorium. 

5. BIG JIM AMICIZIA 2-2

Come nasce Toystellers?

"Raccoglie il meglio dei miei giocattoli, della mia passione e della mia felicità nel giocarci quand’ero piccolo e nel cercarli e collezionarli da grande. Nasce perché sentivo il bisogno di lasciare un segno tangibile della mia passione per i giocattoli. Insieme alla mia ho voluto raccontare le storie di altri collezionisti e dare vita pagina dopo pagina a una traccia corale di questa folle e stupenda passione. Per farlo sono andato in giro per l’Italia a incontrare alcuni tra i più importanti e autorevoli collezionisti che mi hanno aperto i “bunker” delle loro collezioni e anche del loro cuore. Collezioni ed emozioni nel libro vanno di pari passo, ciò che ho cercato nei collezionisti e nelle loro storie non è stato solo il racconto dei loro pezzi più rari ma dei momenti più preziosi che li legano a quei giocattoli. Questo è stato un tema che li ha portati a raccontarsi in maniera diversa dal classico "tecnicismo" che caratterizza molti libri per collezionisti".
  
Tuttavia è un libro che non guarda solo al passato

"Infatti un altro tema che ha guidato la scrittura è stato quello di voler parlare guardando verso il futuro – perché è lì che vorrei far arrivare la mia passione e quella dei “raccontatori di giocattoli” che ho incontrato: zero polvere! Vietato dire: “mi ricordo”, “che bello”, “che bei tempi”… Volevo un punto di vista propulsivo, fortemente rivolto verso il futuro, per lasciare “traccia” sul pianeta della nostra passione e delle nostre collezioni con entusiasmo e gioia. Per farlo però non volevo parlare di quanto erano belli quei giocattoli o quei tempi, ma raccontare le emozioni che ci legano fortemente a un giocattolo quando siamo piccoli e poi anche da grandi  - quando diventiamo collezionisti".

4. FEDERICO GHISO RITRATTO

A suo modo un "best of" da collezione

"Prendendo un riferimento "alto" volevo fin dall'inizio che questo libro fosse una sorta di "Disco d'oro" - come quello lanciato da Sagan nello spazio -  con il meglio del meglio delle nostre collezioni e delle nostre emozioni verso quei giocattoli. Il meglio di queste collezioni, storie ed emozioni l’ho raccolto in  10 mesi di lavoro durante i quali sono andato in giro per l’Italia a incontrare alcuni tra i più importanti e autorevoli collezionisti di giocattoli che mi hanno aperto i loro “bunker”. Ne sono venute fuori 284 pagine. Altrettante sono rimaste fuori. A tutto questo si aggiunge l’estrema felicità che mi ha dato scriverlo: ho allineato perfettamente quello che mi appassiona (i giocattoli) con quello che faccio per vivere (scrivere le storie della pubblicità).  Il libro non poteva che chiamarsi Toystellers".

Quanto ha influito in questo magico mondo la pubblicità?

"La pubblicità ha avuto la sua parte nel creare questa attrazione incredibile verso i giocattoli di quell’epoca (un po’ è anche per questo che faccio il pubblicitario), capace di promettere avventure senza fine ma soprattutto di far sognare un legame di amicizia speciale con i nostri giocattoli. L’amicizia te la chiede Big Jim “Il tuo amico dal colpo di Karate”, quando tiri la cordicella del suo zaino. Te la promettono i supereroi: se compri un frammento di Kryptonite diventi amico di Superman, anzi super amico! Della tua amicizia ha bisogno He-Man nella pubblicità di lancio quando ti dice: “La mia vita è nelle tue mani...solo tu puoi aiutarmi, lo farai?”".

MR MOSTRO E MR MUSCOLO HARBERT
 
Una strada per riprendersi l'infanzia perduta?

"Quando diventiamo grandi, come è giusto che sia, abbandoniamo i nostri giocattoli. Ma i nostri giocattoli non si dimenticano di noi: ci aspettano pazienti da qualche parte, come se sapessero che torneremo a cercarli ancora.Non più da bambini. Ma da collezionisti. Ed è così, mossi dal voler ritrovare le nostre emozioni , che andiamo alla ricerca del giocattolo perduto. Il nostro Big Jim, il nostro Goldrake o il nostro Supereroe della Mego ci guardano con occhi ancora pieni di senso di meraviglia, ci chiedono di essere guardati ancora una volta come facevamo da bambini. E se li osserviamo bene, con la giusta attenzione, nei loro occhi troveremo un po’ anche i nostri". 
 
A chi si rivolge Toystellers?

"Mi auguro che piaccia alla generazione di chi è stato piccolo alla fine degli anni ’70 e negli anni ’80 perché ritrova i giocattoli della propria infanzia. Piace ai collezionisti che trovano la competenza all'interno del contenuto. Piace a un pubblico giovane che probabilmente è affascinato da giocattoli che sanno emozionare con la loro storia. Perché i giocattoli se hanno una storia da raccontare vivono per sempre".

FRONTE Copertina_TOYSTELLERS 3

Tra i “raccontatori di giocattoli” presenti nel libro troviamo altro nomi illustri: Fabrizio Fontanella, fondatore del Museo Venice Vintage Toys – Creature di Gomma, ci racconta la storia dei suoi 6000 pupazzi di gomma; il mercante d’arte Roberto Ballandi svela segreti e meraviglie del mondo delle action figure di Indiana Jones prodotte dalla Kenner; Federico Piccinini, il più grande collezionista al mondo dei personaggi Mego delle Harbert, ci racconta la sua collezione di personaggi ispirati all’universo della Marvel e della DC; Luigi e Fabrizio di Toyssimi raccontano una vita di grandi ritrovamenti e di come ricomprarsi l’infanzia un pezzo alla volta.

BIG JIM presentato alla Toy Fair di NY 1972

E ancora, Francesco Ristori, presidente di Florence Toy Museum e autore del libro “Robot Fever”, ci porta alla scoperta dello Space Grendizer di Goldrake; Fabrizio Modina storico di mitologia moderna, racconta la storia del mitico Early Bird Package di Star; Tommaso Consortini. autore del libro "Press Play on 80’s", ci racconta la storia dei Masters Universe; Fabrizio De Angelis unisce storia ed emozioni sul mitico Big Jim 4332 e Andrea Piccaluga, campione del mondo di Subbuteo a soli 13 anni, ci parla di un meraviglioso tour nel Regno Unito a sfidare migliaia di bambini in fila per giocare con lui fuori dai grandi magazzini e negozi di giocattoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Federico Ghiso, il raccontatore di giocattoli

Today è in caricamento