rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Premi

Vincenzo Sbrizzi (Today.it) ha vinto il prestigioso premio Luciano Donelli

Terzo appuntamento di Benvenuti al Rione Sanità - film edition - 8 proiezioni gratuite. La terza serata è stata dedicata ai film ambientati nel rione sanità e al premio giornalistico nazionale Luciano Donelli - storie di vita e di riscatto vinto da Davide Uccella di Canale 21 e Vincenzo Sbrizzi di Today.it

Terzo appuntamento di Benvenuti al Rione Sanità - film edition - 8 proiezioni gratuite. La terza serata è stata dedicata ai film ambientati nel rione sanità e al premio giornalistico nazionale Luciano Donelli - storie di vita e di riscatto vinto da Davide Uccella di Canale 21 e Vincenzo Sbrizzi, scrittore e giornalista di Today.it. A condurre la serata, introdotta dal concerto del coro Vocalia di Luigi Grima, il giornalista e documentarista Luca Rosini, la regia è stata di Vincenzo Pirozzi. A inaugurare la terza sera di eventi il governatore della Campania, Vincenzo De Luca che ha annunciato i prossimi interventi che riguarderanno il quartiere e in particolare la struttura dell’ospedale San Gennaro, la Sanità avrà il nosocomio di comunità: “Per troppi anni abbiamo trasmesso l’immagine della città di Napoli che ha sporcato la città - ha detto il governatore -. Questo non significa che non bisogna esporre i problemi, ma poi bisogna parlare di tutta la realtà. Napoli ha tanti problemi ma ha anche tantissime esperienze di cultura, di arte, di teatro, di cinema, di musica, di volontariato che dobbiamo fare emergere perche questa è la realtà di Napoli”. “C’è un progetto culturale - ha chiosato De Luca - da realizzare insieme l’anno prossimo che coinvolgerà tutta l’area collinare da Capodimonte al museo Mann, al rione Sanità. Una esplosione di vita culturale, di turismo e di economia”. La serata è proseguita quindi con il racconto del rione Sanità attraverso i film celebri di ieri e di oggi con protagonisti i nuovi talenti della Sanità Giuseppe Pirozzi, Giuseppe D’Ambrosio, Vincenzo Antonucci e Salvatore Nicolella.

La madrina della serata è stata Cristina Donadio che ha annunciato il festival del cinema al rione sanità che partirà dal prossimo anno. Cristina ha rievocato la sua carriera annunciando i film di prossima uscita tra cui “Il peso esatto del vuoto” di Vincenzo Pirozzi ambientato nel rione sanità e precisamente in casa Donelli. Cristina Donadio è anche il simbolo della lotta alla violenza di genere, al fianco delle forti guerriere della sanità, il gruppo nato all’indomani del feroce femminicidio di Fortuna Bellisario. Altro momento emozionante il riconoscimento all’attrice Aurora Quattrocchi, sublime nella interpretazione della madre di Pierfrancesco Favino nel film Nostalgia. Aurora ha emozionato tutti nel ruolo della mater dolorosa al punto che il suo personaggio diverrà statuina del presepe favoloso dei fratelli Scuotto custodito nella sagrestia della basilica di Santa Maria della Sanità. Per Aurora anche una torta a forma di cuore, regalo di Pinuccia rappresentante delle forti guerriere. Ad Aurora Quattrocchi e a Cristina Donadio è stata donata anche una stampa del maestro Iodice. Via alla seconda parte della serata introdotta dal video di Jago, il prolifico scultore vissuto per anni nel rione Sanità che accoglie una delle sue celeberrime opere, il Figlio Velato. Quindi la cerimonia di premiazione dei vincitori del premio giornalistico Luciano Donelli fortemente voluto da padre Antonio Loffredo, nell’ambito della rassegna cinematografica, promosso da Fondazione di Comunità San Gennaro, Fondazione con il Sud e Ordine Dei Giornalisti della Campania giunto alla II edizione e dedicato alle periferie. Nel video clip viene spiegata la storia di Luciano Donelli politico sempre attento agli ultimi e critico nei confronti di una classe dirigente colpevole di aver sperperato soldi pubblici soprattutto nell’era del post terremoto provocando un divario ancora più profondo tra nord e sud. Il tema del bando di quest’anno sono state le periferie. Se il sistema sanità è divenuto un modello di riscatto sociale e umano esistono ancora periferie in attesa di riscatto.

I vincitori quest’anno sono stati i giornalisti Vincenzo Sbrizzi di Today.it che ha raccontato “La storia di Dimitri: dai lager in Libia alla sua nuova vita in Italia” e Davide Uccella di Canale 21 che ha raccontato Scampia da periferia del mondo, supermercato della droga a oasi felice di realtà positive come il ristorante Chiku’, un luogo di ecumenismo condivisione e fratellanza della società del futuro. A premiare Ottavio Lucarelli presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e Fabrizio Minniti della Fondazione con il Sud. Questa edizione è stata intitolata alla memoria di Mario Paciolla il giovane giornalista e dipendente delle Nazioni Unite, morto il 15 luglio del 2020. Dal palco  mamma Anna ha rivolto un appello alle istituzioni chiedendo verità e giustizia per Mario. Ad accogliere i numerosi ospiti tra cui l’assessore regionale alla formazione Armida Filippelli, il consigliere regionale Massimiliano Manfredi, il rappresentante del sindaco avvocato Tozzi e gli artisti i ragazzi della Paranza e di Sanit’art. A fine festa nel chiostro con le pizze fritte di Gino Sorbillo e i dolci di Ciro Poppella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vincenzo Sbrizzi (Today.it) ha vinto il prestigioso premio Luciano Donelli

Today è in caricamento