Domenica, 21 Luglio 2024
Diretta

In 15mila ai funerali di Silvio Berlusconi tra commozione e contestazioni: domani la cremazione

Tutte le ultime notizie in diretta sulla scomparsa di una figura a lungo divisiva, che ha segnato gli ultimi decenni della storia italiana

Circa 15 mila persone hanno affollato Piazza Duomo a Milano per i funerali di Silvio Berlusconi morto lunedì 12 giugno 2023 all'ospedale San Raffaele di Milano dopo un peggioramento della malattia con cui conviva da tempo. Il leader di Forza Italia e fondatore di Mediaset aveva 86 anni.

Oggi mercoledì 14 giugno nel giorno del lutto nazionale ai funerali di Stato sventolavano tante bandiere del Milan e di Forza Italia, cartelli e striscioni le scritte con 'Ciao Silvio' e cori "c'e' solo un presidente". Così Milano ha salutato Silvio Berlusconi con un sole che non lasciava tregua, e diversi svenimenti tra il pubblico. Domani Silvio Berlusconi sarà cremato e poi tumulato ad Arcore.

I funerali di Silvio Berlusconi

Capezzone: l’omelia di monsignor Delpini scritta "in modo furbo"

"Berlusconi uomo di vita, amore e gioia", ha detto l'arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini nell'omelia pronunciata in Duomo in occasione dei funerali di Stato. Una frase scritta "in modo furbo perché suscettibile di interpretazioni opposte", ha dichiarato l’ex portavoce della prima Forza Italia e de Il Popolo della Libertà Daniele Capezzone, sottolineando che "al momento della morte, c’è una doverosa e rispettosa sospensione del giudizio, che spetta solo a Dio".

"Francamente (e rispettosamente), fatico a comprendere gli applausi e svariati elogi che ho letto qua e là", ha aggiunto Capezzone trovandosi d’accordo con alcuni utenti della rete che hanno parlato di "un'omelia gesuitica", monsignor Mario Delpini "ha fatto come Ponzio Pilato". "E in ogni caso com’è l’uomo d’affari secondo Delpini? Guarda ai numeri e non ai criteri. E così abbiamo liquidato il rapporto tra capitalismo e etica cristiana", ha concluso.

La precisazione del Cremlino: "Russia non invitata ai funerali di Berlusconi"

Nessun rappresentante del governo russo è stato invitato al funerale di Silvio Berlusconi. Lo ha detto Yuri Ushakov, assistente del presidente russo Vladimir Putin, citato dall'agenzia stampa russa Interfax. "Non conosciamo il livello di presenza straniera al funerale, ma la parte russa non è stata invitata a questa cerimonia", ha affermato Ushakov, ricordando che Putin aveva inviato le sue condoglianze per la morte di Berlusconi e diffuso un commento sul suo ruolo speciale nello sviluppo delle relazioni fra Russia e Italia.

Berlusconi e l'amicizia con Vladimir Putin

La folla porta via i fiori del funerale di Berlusconi

Al termine del funerale di Silvio Berlusconi al Duomo di Milano c'è stato chi, tra la folla, ha voluto portare via alcuni fiori prendendoli dalle corone che erano state deposte per il Cavaliere.

La gente radunata in piazza ha partecipato alla messa con applausi e cori. Anche quando il feretro, dopo la cerimonia, è stato riportato in piazza si è levato il coro "Presidente, presidente". Altri hanno intonato l'Inno di Mameli.

folla prende fiori funerale Berlusconi

Gerry Scotti: "Berlusconi mi ha cambiato la vita"

"Mi ha cambiato la vita. L'ha fatto più o meno involontariamente ma me l'ha cambiata". L'ha detto il conduttore Gerry Scotti al termine dei funerali di Silvio Berlusconi, fuori dal Duomo di Milano.

Meloni: "Grazie Silvio. Ti renderemo orgoglioso"

Nei minuti in cui il carro funebre lascia il sagrato di piazza Duomo, dove sono appena terminati i funerali di Stato di Silvio Berlusconi, la premier Giorgia Meloni posta su Facebook un video dedicato al Cavaliere, accompagnandolo col post: "Grazie Silvio. Non ti dimenticheremo".

Il video si apre con il celebre "discorso alla nazione" che segna la discesa in campo di Berlusconi nel 1994, poi c'è una sintesi dei momenti che ne hanno accompagnato gli snodi più importanti della vita, politica ma anche privata e imprenditoriale. 

meloni ministro gioventu

Scorrono anche le immagini che ritraggono Berlusconi con una giovanissima Meloni ministro della Gioventù: "Abbiamo percorso strade diverse ma l'obiettivo era e rimarrà comune. Rendere l'Italia fiera e capace di stupire il mondo. Grazie Silvio. Ti renderemo orgoglioso".

Il "Silenzio" chiude i funerali di Stato di Silvio Berlusconi

Dopo l'omelia a fine cerimonia suonano le note del silenzio nel Duomo di Milano per i funerali di Stato di Silvio Berlusconi. Poi tutti in piedi per tributare un ultimo, lungo applauso, al Cav all'interno della Chiesa e fuori, in piazza.

Il feretro viene riportato in piazza Duomo. Marta Fascina accarezza in lacrime la bara, poi si china e la bacia. Poco dopo tutti i figli di Berlusconi accarezzano il feretro. Marina scuote la testa, come incredula.

uscita feretro

Barbara e Luigi Berlusconi, con le mani giunte, più volte dicono "grazie" all'indirizzo di tutte le persone arrivate in piazza per l'addio al loro padre.

Non passa inosservato il gesto di Marina Berlusconi, che lascia il Duomo tenendo per mano la compagna del Cav, Marta Fascina. Prima di salire in auto anche lei ringrazia la piazza gremita per i funerali, lanciando baci verso la folla.

"Vergogna di Stato": allontanato contestatore ai funerali di Berlusconi

Un uomo con un cartello sui cui era scritto "Vergogna di Stato" è stato allontanato tra grida e insulti durante la cerimonia di commemorazione funebre di Silvio Berlusconi al Duomo di Milano. L'uomo, un italiano di 66 anni, si trovava vicino alla Galleria Vittorio Emanuele ed è stato preso in consegna dalla polizia di Stato.

funerali berlusconi foto guarino

Sono 15mila le persone in piazza Duomo ad assistere ai funerali di Silvio Berlusconi.

"Berlusconi uomo di vita, amore e gioia"

"Silvio Berlusconi è stato certo un uomo politico, è stato certo un uomo d'affari, è stato certo un personaggio alla ribalta della notorietà, ma in questo momento di congedo e di preghiera, che cosa possiamo dire di Silvio Berlusconi? È stato un uomo: un desiderio di vita, un desiderio di amore, un desiderio di gioia. E ora celebriamo il mistero del compimento. Ecco che cosa posso dire di Silvio Berlusconi. È un uomo e ora incontra Dio". Lo ha detto l'arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini nell'omelia pronunciata in Duomo in occasione dei funerali di Stato.  

feretro berlusconi rose

"Quando un uomo è un uomo d’affari - ha detto - allora cerca di fare affari. Ha quindi clienti e concorrenti. Ha momenti di successo e momenti di insuccesso. Si arrischia in imprese spericolate. Guarda ai numeri a non ai criteri. Deve fare affari. Non può fidarsi troppo degli altri e sa che gli altri non si fidano troppo di lui. È un uomo d’affari e deve fare affari. Quando un uomo è un uomo politico, allora cerca di vincere. Ha sostenitori e oppositori. C’è chi lo esalta e chi non può sopportarlo. Un uomo politico è sempre un uomo di parte. Quando un uomo è un personaggio, allora è sempre in scena. Ha ammiratori e detrattori. Ha chi lo applaude e chi lo detesta".
 

Marta Fascina e i figli di Berlusconi in lacrime

La commozione avvolge la famiglia di Silvio Berlusconi non appena il feretro dell'ex premier arriva davanti all'altare nel Duomo di Milano. In lacrime la primogenita Marina, la compagna Marta Fascina e il figlio Pier Silvio che, prima di sedersi, ha abbracciato Maria De Filippi. 

fascina funerali berlusconi milano

Barbara e Pier Silvio si sono stretti per un istante la mano.

fascina funerali berlusconi (1)

Il feretro di Berlusconi arriva in piazza Duomo, accolto dagli applausi

È giunto in piazza Duomo a Milano il carro funebre che trasporta il feretro di Silvio Berlusconi. Partito dalla villa dell'ex premier ad Arcore, è arrivato dopo circa mezz'ora. Lungo il percorso di circa 30 chilometri, la circolazione stradale è stata bloccata.

Un picchetto d'onore interforze gli rende omaggio sul sagrato del Duomo. La bara di Silvio Berlusconi in mogano è coperta da rose bianche e rosse. I tanti sostenitori  - quindicimila i presenti in piazza - hanno accolto la vettura con un commosso applauso.

feretro 2

Subito dopo l'arrivo del feretro hanno fatto il loro ingresso in piazza del Duomo i figli di Silvio Berlusconi: Marina, Pier Silvio, Barbara, Eleonora e Luigi e la compagna Marta Fascina. In lacrime i figli. In chiesa piange Silvia Toffanin, compagna di vita di Pier Silvio Berlusconi, e il coordinatore di Fi Antonio Tajani. 

feretro berlusconi funerali duomo

La premier Giorgia Meloni arriva in Duomo

La premier Giorgia Meloni è arrivata in Duomo a Milano per prendere parte ai funerali di Stato di Silvio Berlusconi. Accompagnata dal compagno Andrea Giambruno, prima di prendere posto nella Cattedrale ha stretto la mano a Umberto Bossi.

meloni-17

Da Frosinone a Milano: "Sveglio all'alba per esserci"

Tra i presenti in piazza Duomo a Milano per i funerali di Berlusconi anche chi ha affrontato oltre 600 chilometri pur di esserci

Lele Mora ricorda Berlusconi: "Anche se maltrattati, rifarei tutto"

"Anche se bistrattati e a volte maltrattati rifarei tutto: uno così, come Berlusconi, non si trova". Così ha detto l'ex impresario Lele Mora arrivando in Duomo a Milano per i funerali di Silvio Berlusconi. "Rifarei tutto - ha risposto a una domanda sulle inchieste giudiziarie - ho avuto solo soddisfazioni". 

La giornalista si commuove sentendo il coro "chi non salta comunista è"

È successo a Elena Guarnieri in diretta per le reti Mediaset

La salma di Berlusconi verso piazza Duomo: parte il coro della folla

Il feretro di Silvio Berlusconi ha lasciato Villa San Martino ad Arcore direzione Duomo. Le immagini, trasmesse sui due maxi schermi in piazza, sono state accolte da un grande applauso di tutti i presenti. Sulla strada diversi cittadini che salutano il passaggio dell'auto funebre lungo il viale di Arcore che circonda la villa. Si vede anche qualche striscione. Tra i tanti, uno in mano a un bimbo si legge: "Mi consenta, grazie".

Dopo i funerali di Stato oggi in Duomo il feretro dovrebbe essere riportato nella cappella di famiglia ad Arcore, dove sono stati celebrati i funerali di mamma Rosa e della sorella Maria Antonietta e dove ieri è stata celebrata una prima messa.

La salma di Silvio Berlusconi sarà cremato nel Tempio Crematorio Valenziano Panta Rei, in provincia di Alessandria. Poi le ceneri torneranno ad Arcore: nella cappella di famiglia sono conservate le ceneri dei genitori e della sorella di Berlusconi.

Il feretro di Berlusconi lascia Villa San Martino

Il carro funebre che trasporta il feretro di Silvio Berlusconi è partito da Villa San Martino. La vettura ha varcato i cancelli della residenza dell'ex premier ad Arcore. Lungo la strada sono diversi i cittadini che salutano il passaggio dell'auto. Si vede anche qualche striscione. Tra i tanti, uno in mano a un bimbo si legge: "Mi consenta, grazie".

Un lungo applauso è partito da piazza Duomo mentre i maxi schermo mostravano le immagini del feretro che lasciava Villa San Martino.

La bara di Silvio Berlusconi

Cori in piazza Duomo: "Chi non salta comunista è"

"Chi non salta comunista è", "Un presidente, c'è solo un presidente" e ancora "Silvio! Silvio!". Sono alcuni dei cori che stanno intonando i sostenitori di Berlusconi in piazza Duomo, in attesa dei funerali del Cavaliere.

In piazza sventolano bandiere di Forza Italia e del Milan ed esposto in prima fila c'è anche un tricolore. Nel fondo della piazza sono state issate a mezz'asta tre bandiere di Italia, Unione europea e Milano.

WhatsApp Image 2023-06-14 at 11.58.04

Anche Veronica Lario e Francesca Pascale al funerale di Berlusconi

Anche Veronica Lario presente ai funerali di Silvio Berlusconi al Duomo di Milano. Sul lato destro della navata siederà la famiglia. La compagna Marta Fascina e poi a seguire i cinque figli e il fratello del Cavaliere, Paolo Berlusconi.

Nella fila subito dietro ci sarà quindi l'ex moglie Veronica Lario indicata con il cognome Bartolini. Acconto a lei Paolo Beretta, Silvio Beretta e Federica Fumagalli.

Francesca Pascale LaPresse

In chiesa anche Francesca Pascale. Molto commossa e con occhiali scuri, non ha voluto rilasciare dichiarazioni: "Vi chiedo scusa non è il momento".  

fascina lario funerali b

Sul lato sinistro, al primo posto siederà il Capo dello Stato, poi il presidente iracheno l'emiro del Qatar i due capitani reggenti di San Marino, ovvero i capi stato presenti alle esequie. A seguire i vertici di Camera e Senato, Ignazio La Russa, Lorenzo Fontana. Poi la premier Giorgia Meloni, la presidente della corte costituzionale Silvana Sciarra, il presidente della Lombardia Attilio Fontana, il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il prefetto della città Saccone. Nelle file subito dietro i capi di governo Orban e quello albanese. Poi delegazioni straniere da molti altri Paesi tra cui Gentiloni a rappresentare la Commissione europea. 

In piazza Duomo contestatrice con la maglietta: "Non sono in lutto"

''Io non sono in lutto'' (per la morte di Berlusconi, ndr) scritto su una maglietta bianca. In mano un libro sul ucciso dalla mafia Giovanni Falcone. Così si è presentata una donna in piazza Duomo. Subito è scattata la contestazione dei supporter e dei giovani di Forza Italia che pian piano stanno riempiendo la piazza in attesa dei funerali di Stato. ''Lei deve rispettare innanzitutto una persona morta. Serve rispetto per la morte'', ha iniziato un uomo. ''Se non è in lutto, stia a casa, noi siamo venuti a salutare un morto'', gli ha fatto eco un'altra militante. Presto le contestazioni sono diventate un coro di ''comunista, cafona, vergogna, vai a casa''.

"Io non sono a lutto", la contestatrice allontanata dai fedelissimi del Cavaliere

Contestazione ai funerali di Berlusconi a Milano LaPresse

Scajola: "in Forza Italia il pericolo è il fuggi fuggi"

"Penso che Tajani abbia l'equilibrio, il buon senso, l'esperienza, la moderazione per cogliere che in questo momento bisogna guardare al futuro stando insieme". Lo ha detto il sindaco di Imperia ed ex ministro Claudio Scajola, arrivando ai funerali di Stato di Silvio Berlusconi che inizieranno alle 15 in Duomo a Milano.
"Perché adesso il pericolo in Forza Italia è il fuggi fuggi - ha aggiunto -, adesso non si deve scappare"

Ad Arcore una corona di fiori da Escort Advisor

Una grande corona di fiori rosa è stata consegnata da parte di Escort Advisor davanti a Villa San Martino per omaggiare Silvio Berlusconi. Già nei giorni scorsi, il sito dedicato alle recensioni di escort, aveva scritto sulla propria homepage "Ciao Silvio". Disposta sul prato accanto agli altri omaggi portati dai fan, la corona è stata rimossa pochi minuti dopo, suscitando l'applauso delle persone presenti per rendere omaggio al presidente di Forza Italia. 'Ci vuole un po' di rispetto', ha commentato uno dei supporter dell'ex premier.

L'addio del sito di escort a Berlusconi: "Ciao Silvio"

Gasparri: "Come un lutto in famiglia, Berlusconi bis non ce ne saranno"

“Faremo quello che sarà possibile fare, Berlusconi bis non ce ne saranno. È stato un gigante di un’epopea italiana. Non ci sarà ne la presunzione di avere una personalità pari alla sua, nè un rompete le righe”, le parole di Maurizio Gasparri sul futuro di Forza Italia all’arrivo in Duomo per i funerali di Berlusconi. “Noi vicini lo viviamo come un lutto di famiglia, perché c’è stata vicinanza nella buona e nella cattiva sorte”, ha proseguito il senatore, uno dei fedelissimi della prima ora dell’ex premier. E sulle condizioni di salute: “Il quadro era complicato, non mi aspettavo questo peggioramento improvviso ma lo temevo. Il buon Dio ci chiama quando lo decide.

Salvini: "Ciao Silvio, manchi già a milioni di italiani"

"Ciao Silvio, hai fatto la storia. Manchi già a me e a milioni di Italiani che ti hanno voluto bene, mancherai perfino ai pochi sciagurati che per anni hanno vissuto alla tua ombra, insultando e odiando, perfino in una giornata come questa". Lo scrive il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, su Instagram.

salvini ig

M5S: "Errore beatificazione di Berlusconi a reti unificate"

"Il rispetto profondo che si deve davanti alla scomparsa di una persona non può determinare la rimozione, a reti unificate, di quelli che sono gli aspetti complessivi della vita politica di Silvio Berlusconi e del lascito al paese del berlusconismo". Così gli esponenti M5S in commissione di vigilanza Rai.

"La beatificazione della sua figura da parte dell'intero sistema televisivo nazionale, servizio pubblico assolutamente ricompreso - proseguono - rappresenta un errore perché consolida gli aspetti più divisivi che la sua figura ha creato nell'opinione pubblica".

Piazza Duomo già affollata per i funerali di Berlusconi

Davanti al Duomo di Milano inizia già ad affluire la folla per i funerali di Silvio Berlusconi, alle 15. Tre ragazzi hanno esposto uno striscione con scritto "L'Italia è il Paese che amo", citazione dal discorso della discesa in campo di Berlusconi del 1994. 

Preparativi per il funerale di Silvio Berlusconi in Duomo - striscione - LaPresse-2

Sisto: "Berlusconi ha subito tanto, gli dedico riforma giustizia"

"Silvio Berlusconi ha subito tanto, troppo, a causa della giustizia. Per questo voglio dedicare a lui la riforma che andrà in Consiglio dei ministri domani, un passo importante verso un processo davvero giusto". Così a Rai News24 il senatore di Forza Italia e vice ministro alla Giustizia Francesco Paolo Sisto, che poi ha spiegato: "La riforma non arriva sulla scorta dell'onda emotiva per la scomparsa del presidente Berlusconi, ma è stata studiata e calibrata nel tempo, con la diretta partecipazione del presidente stesso"

I potenti del mondo ai funerali di Berlusconi: in piazza migliaia di persone

Quattro maxi-schermi, transenne piazzate: è tutto pronto in piazza Duomo a Milano per accogliere la folla che seguirà dalla piazza il funerale di Silvio Berlusconi. Sul sagrato della cattedrale poco dopo le 7 di questa mattina sono arrivate le prime corone ed erano quelle del gruppo al Senato di Forza Italia e della capogruppo Licia Ronzulli. Arrivata anche la corona della Corte costituzionale, una, tutta di garofani rossi, dei Socialisti e quella del sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

Imponenti i controlli di sicurezza. Il "modello" è quello dei concerti in piazza, ma con capienza ridotta rispetto ai 20mila di cui si era parlato all'inizio. Nessun pass per entrare, ma controlli ai varchi per contingentare l'ingresso. 

Ai funerali di Stato parteciperanno 32 esponenti del governo in carica e numerose personalità dall'estero. Ci sarà anche il Capo dello Stato Mattarella. Carabinieri e polizia saranno impiegati in modalità antiterrorismo con l'ausilio dei servizi segreti. 

Piazza del Duomo in vista del funerale di Silvio Berlusconi - foto LaPresse

Renzi: "Polemiche su funerali di Stato e lutto nazionale sono una vergogna"

"Ci sono luci e ombre nel giudizio politico" su Silvio Berlusconi, ed "è assolutamente sacrosanto mantenere opinioni diverse su ciò che ha fatto. Sarà una discussione che ci porteremo a lungo dietro, sarà tema di riflessione culturale, sociale, politica. Ma le polemiche di oggi sono vergogna". Lo dice il leader di Iv, Matteo Renzi a Mattino 5. "C'e' uno squallore nella contrapposizione ideologica che non si ferma davanti alla morte - aggiunge - quando muore una personalità del genere, mettersi a discutere di funerali di Stato e lutto lo trovo meschino. Sono persone che senza Berlusconi non avrebbero avuto visibilità ... Non faccio nomi ... Il fatto quotidiano, Rosy Bindi Tommaso Montanari". 

Lutto nazionale per Berlusconi, si alza il coro dei contrari: "Scelta inopportuna"

Il saluto dei figli di Berlusconi: "Dolcissimo papà grazie per la vita"

I cinque figli di Silvio Berlusconi hanno dato un pubblico addio al padre con una pagina a pagamento sui principali quotidiani italiani. "Dolcissimo papà grazie per la vita, grazie per l'amore. Vivrai sempre dentro di noi", dice il testo in bianco su sfondo blu con una fotografia, non recentissima, del Cavaliere in doppiopetto e cravatta blu a pois. A firmarlo Marina, Pier Silvio, Barbara, Eleonora e Luigi.

I figli di Berlusconi uniti nell'ultimo saluto

Chi sono e cosa fanno i figli di Silvio Berlusconi: tra vita privata e lavoro

Il necrologio di Salvini e Francesca Verdini: "Se ne va un pezzo di storia"

Sul Corriere della Sera di oggi, 14 giugno, è stato pubblicato il necrologio di Matteo Salvini e Francesca Verdini per Silvio Berlusconi. "Con lui se ne va un pezzo di storia, se ne va un amico insostituibile - l'abbraccio più sentito ai suoi amati figli Marina, Pier Silvio, Luigi Barbara e Eleonora - Ai suoi adorati nipoti, alla splendida Marta e a tutta la comunità di Forza Italia", è il messaggio del leader della Lega e della compagna.

Oggi lutto nazionale: cosa cambia per i cittadini

Polemiche a parte (e sono tante in queste ore), cosa significa che oggi mercoledì 14 giugno è una giornata di lutto nazionale? E cosa cambia per i cittadini italiani? A essere stravolta, in occasione del lutto nazionale, è la giornata degli esponenti del governo, obbligati a cancellare tutti gli impegni in agenda con la sola eccezione degli eventi di beneficenza già in programma.

Il lutto nazionale prevede anche l'esposizione a mezz'asta delle bandiere nazionale ed europea sugli edifici pubblici dell'intero territorio nazionale e sulle sedi delle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane all'estero, ma per la vita dei cittadini cambia ben poco, se escludiamo l'invito alle scuole a rispettare un minuto di silenzio in memoria del defunto, Silvio Berlusconi in questo caso, e per la possibilità che alcuni negozi decidano di tenere le serrande abbassate durante tutta la giornata o durante la celebrazione delle esequie. In quest'ultimo caso, però, la decisione spetta unicamente ai titolari delle attività.

Meloni: "Su Berlusconi il giudizio della storia sarà diverso da quello della cronaca"

"Sul suo nome gli italiani si sono divisi e il giudizio della storia sarà diverso da quello della cronaca. Più sereno, meditato ed equilibrato. C’è chi lo ha combattuto politicamente con lealtà e chi invece ha usato mezzi impropri per provare a sconfiggerlo. Anche questo è un dato sul quale riflettere, per l’oggi e il domani, perché alla fine di questa storia i suoi avversari hanno perso". Inizia così la lettera inviata al Corriere della Sera dal premier Giorgia Meloni sul leader azzurro Silvio Berlusconi.

"Quanti stereotipi su di lui si addensano in queste ore. La storia della famiglia di Berlusconi è quella di tanti italiani che nel Dopoguerra, con pochi soldi e molte speranze, si sono battuti per migliorare la loro condizione e quella dei propri figli, realizzando quello che è stato chiamato il miracolo italiano" aggiunge.

Piazza del Duomo a ingresso libero ma contingentato: attese migliaia di persone

Oggi alle 15 si terranno in Duomo a Milano i funerali, si va avanti con i preparativi sul fronte della sicurezza della piazza. Sono attese migliaia di persone. Per stabilire come organizzare l'afflusso in piazza del Duomo, si è riunito il comitato per l'ordine e la sicurezza, a cui sono seguiti sopralluoghi e riunioni tecniche per i dettagli. Molto probabilmente la piazza sarà a ingresso libero, ovvero senza pass, ma comunque contingentato, fino a 20mila persone (lo stesso sistema utilizzato per i concerti in piazza), con uno spazio sul sagrato riservato ai giornalisti, e verranno installati maxischermi per permettere a tutti di assistere alla cerimonia. Non ancora definita la chiusura della stazione Duomo del metrò, che di solito scatta da parte della questura a mano a mano che la piazza si riempie.

Calenda: "Berlusconi ha dimostrato coraggio fino all'ultimo"

"Berlusconi è stato un mio avversario politico. E quando muore un avversario piacerebbe vedere la cessazione dell'odio, non del fatto che uno che è stato contrario, molto contrario, contrarissimo. L'odio finisce con la persona che muore. E piacerebbe vedere che a un avversario si riconoscono delle caratteristiche che Berlusconi aveva, di straordinarietà, alcune positive e alcune secondo me negative. E lo si fa per rispetto nei confronti di un avversario che ha dimostrato coraggio fino all'ultimo". Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, ospite a 'Di Martedì' su La7.

"Se questo paese - ha proseguito Calenda - impara a fare questo, si riconcilia, perché non può essere in guerra permanente con le persone anche quando muoiono".

Meloni, Salvini, Tajani e La Russa lasciano Arcore

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni, il presidente del Senato Ignazio La Russa, il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini e il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani hanno lasciato pochi istanti fa Villa San Martino, la residenza di Arcore dove si erano recati per rendere omaggio a Silvio Berlusconi, scomparso ieri. Meloni, arrivata insieme a Salvini e La Russa, si è intrattenuta per circa un'ora, mentre Tajani era presente in villa già dalle 17.20. Ad accompagnare alla porta i 'colleghi' politici del leader di Forza Italia, i figli di Berlusconi, Pier Silvio e Barbara.

Pier Silvio lascia Arcore: applausi dei presenti

Pier Silvio Berlusconi, figlio del leader di Forza Italia Silvio scomparso ieri all'età di 86 anni, ha lasciato pochi istanti fa Villa San Martino. Appena uscito dal cancello della villa, a bordo di un'auto, ha abbassato il vetro del finestrino e ha salutato con la mano le persone assiepate ai due lati della strada: subito dopo, è scattato un applauso, che lo ha accompagnato fino a che la sagoma della sua auto si è allontanata.

Bandiere a mezz'asta all'Europarlamento. Ai funerali ambasciatori di Francia, Germania e Regno Unito

Domani nelle sedi del Parlamento Europeo le bandiere dell'Ue e dell'Italia sventoleranno a mezz'asta, come fuori dall'ufficio di Roma, in segno di lutto per la scomparsa dell'ex eurodeputato Silvio Berlusconi. Lo si apprende da fonti parlamentari. Nelle ultime ore si è appreso anche che alle esequie dell'ex presidente del consiglio ci saranno gli ambasciatori di Francia, Germania e Regno Unito (Christian Masset, Viktor Elbling e Ed Llewellyn) in rappresentanza dei loro governi. 

Anche Bossi ai funerali dell'ex premier: "Un fratello per tanti anni"

Ci sarà anche il fondatore della Lega Nord, Umberto Bossi al funerale in Duomo di Silvio Berlusconi. Il Senatur che ha compiuto 81 anni lo scorso settembre, nelle scorse ore si era riferito al Cavaliere parlando di "un fratello per tanti anni". Domani sarà a Milano con il figlio Renzo Bossi.

Camera e Senato: lavori sospesi per la morte di Berlusconi. Ma lo stop non sarà di 7 giorni

Camera e Senato sospendono la loro attività per la morte di Silvio Berlusconi. I lavori resteranno sospesi per le giornate di martedì e mercoledì. Per quanto riguarda la Camera la conferenza dei capigruppo ha stabilito che non vi saranno votazioni in questa settimana nell'aula della Camera. Giovedì alle 12 ci sarà invece la discussione generale sulle mozioni relative alle pensioni minime. La prossima settimana è prevista la commemorazione del presidente Silvio Berlusconi la cui data è ancora da definire. Il Senato ha invece già comunicato che la commemorazione dell'ex premier si terrà martedì 20 alle 15. Anche a Palazzo Madama i lavori sono stati sospesi per due giorni, ma a partire da giovedì torneranno a riunirsi le commissioni parlamentari.

"Giovedì le commissioni si riuniranno, lunedì invece toccherà all'aula del Senato... Non sono sette giorni di lutto, giovedì le commissioni lavoreranno regolarmente". A sottolinearlo è stato il capogruppo di Fdi al Senato, Lucio Malan, mettendo a tacere le polemiche sulla sospensione dei lavori parlamentari. 

Meloni in viaggio verso Arcore per una visita alla camera ardente

La premier Giorgia Meloni ha appena lasciato Palazzo Chigi diretta a Milano, dove domani si terranno i funerali di Stato di Silvio Berlusconi. Questa sera la presidente del Consiglio dovrebbe raggiungere Arcore per una visita alla camera ardente in forma privata. 

"È stato pesante" ha confessato la premier parlando della morte del Cav con il Tg5. "Non me lo aspettavo, lo avevo sentito sabato pomeriggio e avevamo parlato parecchio, io e lui in questo periodo parlavamo soprattutto di politica internazionale". "Sono stata a trovarlo in ospedale, quando era al San Raffaele" ha aggiunto Meloni. "Lo confesso, lo avevo visto sofferente, poi, nel vedermi, si era alzato, si era messo a tavola a fare i suoi schemi e guardava molto lontano, quando sono uscita mi sono detta 'sta bene'. Cioè sicuramente era provato fisicamente, era normale, ma non si era dato per vinto ed è quel che per me contava. Alla fine Berlusconi: lui era un grandissimo combattente, e tu sapevi che finché combatteva ne sarebbe venuto fuori". 

Schlein sarà ai funerali di Berlusconi, in dubbio la presenza di Conte

La segretaria del Pd, Elly Schlein, parteciperà ai funerali di Silvio Berlusconi domani a Milano. Secondo le indiscrezioni invece alle esequie non dovrebbe esserci il presidente del M5S Giuseppe Conte. 

Saranno due i maxischermi posizionati in piazza Duomo per consentire ai cittadini di seguire i funerali. Gli schermi stanno venendo montati in questo momento alla destra e alla sinistra della piazza, che - a quanto si apprende a margine del sopralluogo in corso - verrà transennata a partire dalle 10 di domani mattina. Il feretro del presidente di Forza Italia sosterà sul sagrato della cattedrale prima di entrare nel Duomo. 

Attese oltre ventimila persone per i funerali di Berlusconi

La macchina organizzativa per i funerali di Stato di Silvio Berlusconi a Milano è in moto. Sono attese circa ventimila persone in piazza Duomo e il comitato per l'ordine e la sicurezza si è riunito per approntare un piano. Per l'accesso alla piazza non sono previsti pass e saranno installati dei maxischermi.

Saranno invece circa duemila le persone ammesse all'interno del Duomo, con la famiglia seduta nella parte destra della cattedrale e le autorità in quella sinistra. Per ragioni di sicurezza non sono ancora stati diffusi i nomi dei capi di Stato stranieri che parteciperanno.

Previti incorona Tajani: "La persona giusta per guidare Forza Italia"

"Sono ancora sotto choc, un uomo così straordinario sotto tutti gli aspetti, lo consideravo anche immortale". Parla Cesare Previti, storico avvocato e amico di Berlusconi, già parlamentare di Forza Italia ed ex ministro della Difesa del primo governo Berlusconi. 

Al telefono con l'Adnkronos Previti si lascia andare ai ricordi e commosso più volte chiama l'ex premier per nome, elogiandolo per la sua capacità di andare sempre diritto al problema delle cose. "Mi chiede se senza Silvio, il partito è finito? Io spero che Forza Italia continui, anche se è così difficile sostituire una persona straordinaria come lui. Non so cosa accadrà. Certo, c'è gente capace nel partito, c'è sicuramente la possibilità che Fi vada avanti. Tajani, in questo momento - assicura - è la persona più giusta".

Pier Silvio Berlusconi ai dipendenti Mediaset: "Mio padre fiero di voi"

"Non ci sono parole per descrivere la mia emozione ogni volta che mi diceva: 'Sono orgoglioso di te e di quello che fai'. E io ho sempre saputo benissimo che si rivolgeva a tutti noi: io da solo non avrei potuto fare nulla. Nulla". Questo è un passaggio della lettera che Pier Silvio Berlusconi, secondo figlio di Silvio Berlusconi e amministratore delegato di Mediaset, ha inviato ai dipendenti. Una lettera diffusa dal Tg5.

"È stato un uomo che ha dato tanto, tantissimo - prosegue -. Che ha creato tantissimo. E ha sempre considerato la nostra azienda come una amatissima creatura. Il mio papà, il nostro fondatore, vi ha sempre amato tutti uno per uno".

Pier Silvio scrive ai dipendenti Mediaset: "Siete nel mio cuore, sarete sempre in quello di papà"

piersilvio berlusconi col padre foto LaPresse

Rotondi: "Annulliamo festa della Dc"

"Silvio Berlusconi è anche il presidente d'onore della Democrazia Cristiana, che oggi è una fondazione culturale. In segno di lutto annulliamo la festa estiva programmata per il 26 luglio, mentre manterremo il convegno autunnale di Saint Vincent a cui Silvio non mancava mai e che quest'anno avrà un programma completamente dedicato a Lui". A scriverlo in una nota è Gianfranco Rotondi, presidente della fondazione "Democrazia Cristiana". 

Crisanti: "Funerali di Stato e lutto nazionale per Berlusconi sono inopportuni"

Dice di comprendere "con sincera empatia il dolore che la scomparsa di Silvio Berlusconi crea non solo nei suoi affetti personali, ai quali vanno le sue più sentite condoglianze, ma anche alla sua comunità politica e a un intero sistema Paese che con il suo operato e la sua figura si è identificato" ma afferma di essere contrario ai funerali di Stato. Così in una nota il senatore del Partito Democratico Andrea Crisanti.

"Non posso non esprimere la mia ferma contrarietà ai funerali di Stato, che ritengo inopportuni, così come al lutto nazionale per il nostro ex presidente del Consiglio - sottolinea - . Berlusconi è stato un uomo politico che ha ricoperto importanti ruoli istituzionali e condizionato la vita politica dell'Italia. Ma non dobbiamo dimenticare - aggiunge - che alcune sue azioni non hanno avuto alcun rispetto per lo Stato che rappresentava".

Lutto nazionale per Berlusconi, si alza il coro dei contrari: "Scelta inopportuna"

Forza Italia non si ferma: convocato il comitato di presidenza

Il giorno dopo la morte di Silvio Berlusconi, Forza Italia non si ferma. Il partito ha confermato per le 13.30 di oggi 13 giugno, nella sede nazionale azzurra in via in Lucina 17, una riunione del Comitato di presidenza, uno dei massimi organismi direttivi. All'ordine del giorno l'approvazione del bilancio relativo all'esercizio 2022 e le "determinazioni in merito ai commissariamenti".  

Weber ricorda ultima telefonata con Berlusconi: "Era già debole..."

"La morte di Silvio Berlusconi lascia un grande vuoto in tutti noi. I nostri pensieri, le nostre preghiere oggi sono per la sua famiglia e per i suoi cari". Lo dice il capogruppo del Ppe nel Parlamento Europeo e presidente del partito Manfred Weber, commemorando a Strasburgo il fondatore di Forza Italia.

Weber ricorda di avere parlato al telefono con Berlusconi mercoledì sera. "Ero a Roma - racconta - e Antonio Tajani mi ha passato il telefonino, dicendomi che probabilmente sarebbe stato l'ultimo contatto con lui, come amico europe. Era già debole, ma sosteneva un'Italia forte, nelle buone mani del Ppe e di Forza Italia, e anche stabile a livello europeo". 
 

Metsola: "La storia discuterà impatto di Berlusconi ma l'uomo ha lasciato il segno"

"Silvio Berlusconi è stato un combattente che ha fondato e guidato il centrodestra in Italia, un protagonista della politica per generazioni e ha contribuito a passaggi cruciali della storia europea e dell'Italia. Mai troppo lontano dalle polemiche anche in questa casa ma tutti qui lo ricordano per la sua generosità, il suo coraggio e il suo carisma. La storia discuterà il suo impatto ma l'uomo ha lasciato il segno". Lo ha detto la presidente del Pe Roberta Metsola alla commemorazione per la morte di Silvio Berlusconi, davanti alla Plenaria. Metsola è stata la prima a firmare il registro delle condoglianze all'ingresso dell'Aula. 

Erdogan: "Profondamente addolorato per la morte del mio amico Berlusconi"

"Sono profondamente addolorato per la morte del mio amico, l'ex premier italiano Silvio Berlusconi con il quale abbiamo lavorato per molti anni. Condivido di cuore il dolore della sua famiglia e dei suoi cari e rivolgo le mie sentite condoglianze a tutto il popolo d'Italia". Lo ha scritto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in italiano e in turco, in un messaggio sul suo account Instagram. 

erdogan-11

Bernini: "Eredità di Berlusconi è centrodestra unito"

"Berlusconi è stato e sarà il centrodestra italiano. È riuscito a mettere insieme quello che apparentemente non sarebbe riuscito a stare. È un grande modernizzatone, è un grande federatore. Questa è la sua legacy, la sua eredita'. È quello che renderà possibile al centrodestra di stare sempre uniti, perché non ci ha dato solo i temi e i valori". Lo ha detto il ministro dell'Università' e della ricerca, Anna Maria Bernini, intervenendo allo speciale del Tg1.

Dove sarà sepolto Silvio Berlusconi

Per il quattro volte presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, funerali di Stato nel Duomo di Milano ed è stato proclamato il lutto nazionale. Dove sarà sepolto? Non c'è a oggi una notizia ufficiale. Si parla del cimitero monumentale di Milano, ma anche del mausoleo che lo stesso Cavaliere ha voluto fare costruire ad Arcore. Questo suo ultimo desiderio potrebbe non essere esaudito per ragioni burocratiche. Tutte le ipotesi.

Dove sarà sepolto Silvio Berlusconi

Gentiloni per la Commissione Ue ai funerali di Berlusconi

Su richiesta della presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, sarà il commissario all'Economia Paolo Gentiloni a rappresentare la Commissione ai funerali di Stato dell'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi domani a Milano. Ne dà notizia via social il portavoce capo Eric Mamer.

Il saluto di Zangrillo: "Solo oggi mi permetto di dirti 'ciao Silvio'"

"Presidente ho sempre voluto darle del lei, solo oggi mi permetto di dirti 'ciao Silvio'". Così Alberto Zangrillo, medico personale di Silvio Berlusconi, saluta il presidente di Forza Italia, in un necrologio sul Corriere della Sera

Qualche ora dopo la notizia della scomparsa dell'ex premier, su Twitter il responsabile del Dipartimento di Anestesia e Terapia intensiva del San Raffaele si scusava con Berlusconi per essere rimasto senza parole: "Io e lei ci siamo capiti", scriveva postando una foto insieme al Cavaliere.

zangrillo

Ronzulli: "Perdo un secondo padre"

"Sono troppi i racconti che mi legano al presidente Berlusconi, non riesco a sceglierne uno solo. È stata la persona che più mi ha aiutata a capire cosa volevo fare da grande e a spronarmi nelle scelte professionali. Fu lui a insistere perché finissi il mio percorso universitario, ogni settimana mi chiedeva se avessi dato un esame. È stato il mio testimone di nozze. Anche un pezzo della mia vita familiare è legato a lui". Così al Tg1 la presidente dei senatori di Forza Italia Licia Ronzulli.

"Berlusconi non è mai stato un uomo solo. Ha una splendida famiglia, cinque figli meravigliosi. Aveva molti amici, che ci sono stati anche nei momenti bui. Per me va via un secondo padre. L'ho sentito l'ultima volta sabato sera e ha voluto parlare anche con mia figlia Vittoria. Era convinto di uscire dall'ospedale il giorno dopo e ci ha chiesto di andare a trovarlo", ha concluso.

Prodi: "Berlusconi? Un rivale ma entrambi europeisti"

Pensando alla scomparsa di Silvio Berlusconi, il suo storico rivale Romano Prodi riflette "soprattutto sugli obiettivi comuni più che sulle nostre divisioni". Per questo, ragionando con Il Messaggero, gli "viene alla mente, con naturalezza, il tema dell'europeismo. È il valore ideale e pragmatico dell' europeismo che ha tenuto l'Italia unita nei momenti più difficili. Entrambi abbiamo avuto la chiara idea che il futuro dell'Italia passa attraverso l'Europa".

Nonostante le differenti vedute, "Berlusconi si rendeva conto che qualsiasi cedimento sull'europeismo avrebbe impedito il progresso che il nostro Paese aveva compiuto", sostiene l'ex premier. Le loro concezioni di Paese erano però opposte "su tanti aspetti fondamentali". "Le nostre ricette divergevano profondamente", ma "siamo stati rivali, non nemici", precisa Prodi. "Le nostre diversità non hanno impedito una relazione più civile e più corretta di quanto non accada tra i protagonisti della politica di oggi", aggiunge.

Il ricordo della prima moglie: "Grande uomo e straordinario padre"

"Carissimo Silvio, sei stato un grande uomo e uno straordinario padre per i nostri figli. Ricorderò per sempre la bellezza degli anni trascorsi insieme". Con questo necrologio sul Corriere della Sera Carla Elvira dall'Oglio, prima moglie di Silvio Berlusconi, ricorda l'ex presidente del Consiglio."Un abbraccio infinito" conclude la madre di Marina e Pier Silvio che ha sempre mantenuto un estremo riserbo e non ha mai rilasciato dichiarazioni sull'ex marito. 

Carla Dall'Oglio, il necrologio della prima moglie di Berlusconi: "Grande uomo e straordinario papà"

Gianni Letta saluta Berlusconi: "Mancano forza e parole"

"Questa volta carissimo Silvio mi mancano la forza e le parole". Inizia così l'ultimo messaggio di Gianni Letta a Silvio Berlusconi, pubblicato nella pagina dei necrologi de La Repubblica. "Ti dico solo grazie, e lo ripete con me, a te e a tutta la tua famiglia, la mia famiglia. Ti accompagnino con la preghiera, il ricordo e la gratitudine di Gianni e Maddalena, con Marina, Stefano, Edoardo e Gaia, Giampaolo e Rossana. Un ultimo tenerissimo abbraccio da tutti", conclude.

L'omaggio davanti a casa sua con biglietti, sciarpe e fiori: "Grazie per l'entusiasmo che ci hai regalato"

Doni e pensieri davanti alla storica residenza di Silvio Berlusconi. La pioggia non ha fermato chi anche nel corso della serata di ieri è accorso per omaggiare il fondatore di Forza Italia. Dozzine di biglietti, sciarpe e fiori sono stati adagiati davanti alla casa del leader azzurro dove intanto i primi cronisti e operatori tv sono giunti sul posto. "Grazie in eterno presidente", si legge su uno striscione firmato dalla Curva Davide Pieri. Un altro cartello recita "Grazie per l'entusiasmo che ci hai regalato".

Fiori e messaggi davanti alla residenza Villa San Martino ad Arcore (LaPresse)

Francesca Pascale, sua compagna per dieci anni: "La mia vecchia vita muore con lui"

"È triste, ho un peso sul cuore, le parole mancano, la morte è una cosa seria, diceva Totò". Francesca Pascale è stata per oltre dieci anni compagna di Silvio Berlusconi. "Oggi provo solo dolore, e quello non si spiega", dice a Repubblica. "Con Berlusconi potevi scontrarti, litigare, ma era difficile cancellarlo per sempre. Lo amavi o lo odiavi". "Era la mia vecchia vita, oggi è morta con lui", rivela Pascale che oggi è sposata con la cantautrice Paola Turci. "È un po' come se avessi perso di nuovo mia madre: quello fu un vuoto devastante", prosegue l'ex compagna di Berlusconi.

"Certo è stato anche una guida" per lei. "Mi ha dato tanto: e certo, non solo per gli agi, il lusso che in quegli anni ho visto", ma per il "mondo che mi ha fatto conoscere, degli scenari in cui mi sono ritrovata". Tra gli esempi, cita "il pranzo con Gheddafi. La riconoscibilità internazionale di Silvio. Poi lo choc di vederlo andare ai Servizi sociali, i carabinieri venivano a bussare, lui gentile, io stranita. O quella volta che incontrai Putin nel corridoio". Ai funerali dell'ex premier "sarò una dei tanti a salutarlo. Una donna che ha fatto un suo percorso, è andata per la sua strada, serena. Ma lui aveva un suo amore per la vita, credo che in fondo lo capisse".

Ad Arcore solo i familiari più stretti

Fino ai funerali domani in Duomo a Milano, la salma di Silvio Berlusconi resterà villa San Martino, ad Arcore. Per motivi di ordine pubblico, l'ingresso sarà riservato esclusivamente ai familiari più stretti.

Le condoglianze del segretario generale Onu Antonio Guterres

Arrivano dal Segretario generale Onu Antonio Guterres le condoglianze per la scomparsa di Silvio Berlsuconi. "Rattristato dalla notizia - scrive l'account Twitter del portavoce - il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres invia sincere condoglianze al popolo e al governo dell'Italia, cosi' come alla famiglia".

È "normale" il lutto nazionale per Berlusconi?

È "normale" il lutto nazionale per Berlusconi? Come stanno davvero le cose. C'è una legge precisa che stabilisce chi può accedere o no ai funerali di Stato. Il lutto nazionale è più discrezionale: a eccezione di Leone e Ciampi (che sono stati però anche presidenti della Repubblica), negli ultimi decenni non era stato dichiarato per la morte di nessun ex presidente del Consiglio. Tutti i dettagli.

Tajani: ''Non c'è il rischio che scompaia Forza Italia''

''Costruiremo il futuro che voleva Berlusconi''lo ha detto il ministro degli esteri Tajani in visita a Washington. "Forza Italia andrà avanti perché Berlusconi ha sempre guardato al futuro e il nostro dovere è fare ciò che lui sognava fino all altro giorno. Non esiste l'ipotesi che Forza Italia sc