Giovedì, 5 Agosto 2021
Donna

"L'Aids è di moda", Donatella Versace non approva lo slogan di 'Convivio'

Con una nota la stilista ha fatto sapere di non aver approvato lo slogan posto sotto al suo volto per pubblicizzare l’iniziativa benefica a favore della lotta contro l'Aids

Donatella Versace

'Convivio', mostra-mercato benefica che raccoglie fondi per la lotta contro l'Aids, ha scelto quest'anno lo slogan "L'Aids è di moda" per una campagna che in rete ha sollevato un bel polverone.

Molti sono stati gli utenti che non hanno approvato la frase definita da alcuni "tremendamente brutta e fuorviante", e anche Donatella Versace, il cui volto è comparso sul manifesto in questione insieme a quello della direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, ha voluto immediatamente dissociarsi dalla trovata.

Come riporta il Corriere della Sera, la stilista ha fatto sapere in una nota d’agenzia di "non aver dato la mia approvazione alla campagna relativa all’edizione di Convivio 2016 divulgata in questi giorni 'L’Aids è di moda' che non condivido", precisando ancora: "La mia lotta contro l’Aids continua, con immutato impegno e con i mezzi e le parole più idonei".

Dal canto suo, la Sozzani ha confermato la versione facendo riferimento ad "un’incomprensione nella comunicazione prima del lancio della campagna": "Donatella sostiene Convivio e la lotta all’Aids, ma questo non era il suo messaggio" ha chiarito la giornalista confermando che l’immagine della stilista sarà ritirata, ma che la campagna continuerà ad uscire con il proprio volto, perché - dice Franca Sozzani - "è giusto suscitare interesse perché 10 malati al giorno in Italia non sono pochi".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Aids è di moda", Donatella Versace non approva lo slogan di 'Convivio'

Today è in caricamento