Lunedì, 21 Giugno 2021
Donna

Attacco hacker al sito di appuntamenti 'Ashley Madison': a rischio la privacy degli utenti

Il portale che favorisce le scappatelle di 37 milioni di fedifraghi è stato preso di mira da pirati informatici che minacciano di rendere noti i dati sensibili dei clienti

Sono circa 37 milioni i fedifraghi che in queste ore stanno temendo che le loro scappatelle extraconiugali possano uscire allo scoperto dopo che il sito di appuntamenti 'Ashley Madison' è stato attaccato da un gruppo di hacker.

I pirati informatici avrebbero ottenuto informazioni segrete, tra cui i nomi reali, gli indirizzi e le fantasie erotiche dei clienti del portale dedicato alle persone sposate che cercano avventure al di là del talamo nuziale, insieme alle corrispondenti transazioni con carte di credito, e nessuno scampo sarebbe garantito neppure a chi aveva pagato in precedenza per cancellare il proprio account: i loro dati sarebbero finiti insieme a quelli degli utenti ancora attivi.

Il gruppo di hacker responsabile dell'operazione si fa chiamare "The Impact Team" e a dare la notizia della loro invasione dei database è stata la stessa Avid Life Media (ALM), la società canadese che gestisce il portale. "La cancellazione completa a pagamento è una bugia. Gli utenti pagano sempre con carta di credito e quindi sono rintracciabili. I dettagli privati non vengono rimossi come promesso" hanno fatto sapere i pirati del web per specificare che ad essere colpite sono tutte le informazioni segrete senza nessuna distinzione e che il loro obiettivo è quello di rendere totalmente inutilizzabile Ashley Madison e altri siti d'incontri, come Established Men, gestiti da Avid Life Media: "Va male per questi uomini, che tradiscono e hanno bisogno di discrezione" spiegano: "Va male per ALM: avete promesso protezione e non l'avete data. Sapendo che più di 37 milioni di membri, la maggior parte da Stati Uniti e Canada, utilizzano questo servizio, c'è da credere che una buona percentuale della popolazione avrà una gran brutta giornata, incluse persone molto ricche e potenti".

"Ci scusiamo per questa intrusione criminale" ha fatto sapere la compagnia fondata nel 2001: "Abbiamo misure di sicurezza molto rigide, ma non possiamo prevenire questi attacchi. Stiamo cercando di proteggere il sito e lavorando con le agenzie di investigazione", aggiungendo di aver rimosso i post divulgati e che la mole di dati in mano agli hacker è minore di 40GB, una parte irrisoria sul totale dei dati sensibili collegati a AshleyMadison. 

La visione, tuttavia, non è conforme a quella rivale: 'The Impact Team' ha annunciato che ha facile accesso all’intero contenuto e, qualora la società non torni sui propri passi, è pronta a pubblicare informazioni dettagliate, dagli incontri ai numeri di carta di credito alle preferenze sessuali. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacco hacker al sito di appuntamenti 'Ashley Madison': a rischio la privacy degli utenti

Today è in caricamento