Nel disegno dei bambini c'è il loro mondo: rispettarlo per capirlo e conoscerlo

Quando i bambini disegnano, riportano sul foglio le proprie emozioni e vissuti, ma anche l'osservazione della realtà: come offrire loro stimoli e possibilità

Foto da Pixabay

I bambini, si sa, hanno molta fantasia e fin da piccolissimi per loro è fondamentale il disegno. Per i piccoli disegnare è un importante opportunità di comunicare: comunicano molto di sé con il tratto grafico e per questo è importante osservare quanto lasciano sul foglio bianco. Secondo quanto riportato su Bambino Naturale da Isabella Micheletti, autrice, maestra e formatrice dell’Opera Nazionale Montessori, dalle sagome che il bambino lascia sul foglio si può dedurre l’osservazione che egli fa del mondo, assegnando a ogni oggetto o elemento naturale un suo ruolo e un movimento. Perciò “lo sguardo che si posa su un gruppo di foglie mosse dal vento, su un uccello che vola libero e leggero tra le nuvole, sul getto d’acqua che esce rumoroso e trasparente dal rubinetto o sui ciocchi di legno che scoppiettano scintillando nel camino raccoglie non solo forme e colori, ma anche il significato e l’utilità di questi elementi o forme di vita”. Quando il bambino osserva, osserva sempre una vita in movimento, un mutevole susseguirsi di avvenimenti, alcuni conosciuti e altri nuovi e quindi per lui stupefacenti.

Uno sguardo di meraviglia per disegnare la realtà

I bambini, quando osservano la realtà intorno a sé, lo fanno con quello stupore e quella meraviglia impossibili da comprendere per noi adulti: questa capacità di stupirsi innata e spontanea li rende capaci di cogliere l’essenza delle cose nella loro immediatezza. In questo modo, il bambino costruisce e forma pian piano la sua visione della realtà: secondo Micheletti, “anche il mondo interiore che il bambino costruisce attraverso le sue esperienze viene da lui raccontato per mezzo dell’espressione grafica. L’atto del disegnare rappresenta infatti un tempo nel quale il bambino esprime la sua osservazione del mondo su un piano simbolico”.

Chiaramente l’osservazione della realtà è personale: è sempre legata ad una situazione precisa che il bambino si trova a vivere: un momento gioioso, di tristezza, in solitudine o accanto a un adulto silenzioso che abbraccia e dà la mano o da uno che invece racconta. Ecco perché l’osservazione del bambino e quanto riporta poi sul foglio sono sempre filtrati dalle sue emozioni. “Disegnare diventa quindi un racconto personale” afferma l’insegnante, ed è strettamente personale perché frutto di personale osservazione e interpretazione emotiva della realtà. “La scelta dei colori nelle diverse sfumature, la forza e la vivacità del tratto, la posizione centrale o marginale che viene assegnata al disegno sulla superficie del foglio o la misura, grande o piccola, che viene data, rappresentano variazioni e toni di una voce personale e di un punto di vista sul mondo”. Saper leggere tutti questi tratti nel disegno di un bambino significa decifrare il suo mondo interiore e anche quello esteriore senza timore di fraintenderlo.

Lasciare libero il bambino di esprimersi

Come suggerisce l'educatrice Micheletti, è fondamentale evitare di dare indicazioni rigide al bambino, che renderebbero il suo disegno solo omologato a una prescrizione. Meglio lasciarlo libero di rappresentare ciò che ha colpito in qualche modo la sua attenzione. Uno stimolo sano invece è quello di permettergli di entrare in contatto con il reale: dal libricino che mostra le ochette disegnate al parco, in cui c’è davvero lo stagno con le oche, dal libro del luna park al parco giochi vero e proprio e via dicendo. Infatti le esperienze del reale stimolano il bambino ad arricchire i suoi strumenti espressivi. 

Rendiamo piacevole il momento del disegno

Rispetto e ascolto sono dunque le parole d’ordine per quanto riguarda il modo di esprimersi del bambino, ma anche offrire strumenti adeguati affinché l’attività del disegno risulti il più possibile allettante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come favorire l’esperienza del disegno del bambino:

  • scegliere matite morbide che rendano il disegno fluido e scorrevole
  • fornire una quantità di fogli e matite limitata da tenere sempre a disposizione del bambino, cosicché sia lui stesso a scegliere il momento di usarli
  • non correggere il bambino, ma rispettare il suo modo di riportare la realtà intorno e dentro di sé.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

  • Chi è Tommaso Zorzi e perché è famoso: tutto sull'influencer, dall'amore alla carriera

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

  • Mascherina (di nuovo) obbligatoria all'aperto in Campania: l'ordinanza di De Luca

  • Calciomercato, le ultime notizie su trattative, acquisti e cessioni: Lazio, colpo in difesa

  • Brogli, schede occultate al seggio elettorale: arrivano i carabinieri, il presidente si dimette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento