rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Donna

Il botulino favorisce la depressione?

Diversi studi hanno accertato che la sostanza iniettata nel viso può influenzare lo stato d’animo e l’umore

Il botox è diventato ormai un comune mezzo estetico per contrastare gli effetti impietosi del tempo e se prima si era allergici ad ammetterne il ricorso, adesso il “che male c’è?!” sdogana il pudore di accettarlo come un qualsiasi cosmetico.

Ma la notizia pubblicata dalla BBC secondo cui il botulino, bloccando la mimica del viso e in particolare degli occhi, potrebbe favorire la depressione, ha scatenato ulteriori dubbi sulla sua effettiva utilità. 

La scoperta era stata data da Michael Lewis, psichiatra dell’Università di Cardiff, che, durante la conferenza annuale della British Psychological Society's, aveva evidenziato un aumento della depressione nei pazienti trattati con la tossina nel muscolo orbicolare (ossia quello che provoca le rughe intorno agli occhi) e un effetto antidepressivo in quelli trattati solo nella glabella (tra le sopracciglia), risultato cui il ricercatore era già approdato con una ricerca in cui aveva spiegato come il botulino, riducendo l’aggrottamento, avesse ridotto i sintomi depressivi.

L’attenzione sul ruolo che la neurotossina può avere nel trattamento della depressione e, più in generale, nel miglioramento dell’umore dei pazienti sottoposti a trattamenti estetici con botulino, trova fondamento in numerosi studi, che evidenziano come i movimenti dei muscoli mimici possano influenzare lo stato d’animo, l’umore e il grado di depressione. 

Anche una precedente ricerca del 2011, infatti, della University of Southern California aveva attestato che il botulino diminuisce l’empatia: “Non rende completamente incapaci di capire qualsiasi emozione altrui, ma sicuramente riduce la capacità personale di decodifica emozionale”, afferma David Neal, autore dello studio.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il botulino favorisce la depressione?

Today è in caricamento