Martedì, 3 Agosto 2021
Donna

Diete, cellulite: come combatterla a tavola

Ecco delle ottime abitudini alimentari per tenere a bada l’odiato inestetismo cutaneo che, anche se non sparirà del tutto, almeno verrà tenuto a bada

Partendo dal dato di fatto che non esiste una dieta magica in grado di far sparire il tanto odiato problema della cellulite, una strategia alimentare mirata, attenta a tenere a bada i grassi, può comunque essere utile per appianare gli antiestetici cumuli adiposi e sgonfiare gambe e pancia.

Quando poi ad una sana alimentazione si aggiunge un regolare programma di attività fisica e qualche trattamento di bellezza, è possibile anche sferrare un attacco decisivo al ‘nemico’ che la faccia diminuire drasticamente col tempo.

La dieta anticellulite dovrà concentrarsi sull'eliminazione del tessuto adiposo in eccesso e sulla disintossicazione dell'organismo, fiaccato da tossine, cattiva circolazione e disfunzioni ormonali ed essere arricchita da alimenti particolari in grado di agire sul microcircolo e di rivitalizzarlo.

- CALORIE. Sebbene l'aspetto calorico sia molto importante, deve essere considerato come semplice punto di riferimento dal quale è possibile discostarsi di tanto in tanto, soprattutto se si fa attività fisica: molto, infatti, dipende dal metabolismo e dal tipo di vita che si conduce.

- ALIMENTI CONSIGLIATI. Frutta e verdura, in particolare quella ricca di acido ascorbico, una vitamina che protegge i capillari sanguigni. In particolare, via libera a tutti quelli ricchi di vitamina C (agrumi, ananas, kiwi, fragole ciliegie), alcune verdure fresche (lattuga, radicchi, spinaci, broccoletti) e patate, soprattutto se novelle e comunque, più in generale, sono consigliati tutti quegli alimenti particolarmente ricchi di antiossidanti naturali.
Thè verde e caffè, grazie alla loro azione termogena, facilitano il dimagrimento e, indirettamente, la riduzione della cellulite, sebbene non bisogna fare troppo affidamento su questi rimedi dato che, oltre ad essere una goccia d'acqua in mezzo all'oceano, se assunti ad alte dosi possono affaticare inutilmente il fegato.

-DIETA DISINTOSSICANTE. Va fatta almeno una volta a settimana: the, tisane, succhi di frutta e vegetali devono affiancare il pesce al posto della carne perché più digeribile e meno ricco di tessuto connettivo. Durante queste 24 ore andranno aboliti anche i grassi ad eccezione dell'olio di oliva e degli oli di semi. Una bella sudata in palestra, magari accompagnata da una sauna o da un bagno turco rilassante, stimolerà ulteriormente l'eliminazione di tossine.

-ACQUA. Deve diventare una fedele compagna e come tale va portata sempre con sé: una corretta idratazione è, infatti, una delle soluzioni più semplici ed efficaci per combattere la cellulite dall’interno, perciò bisogna sforzarsi di consumarne almeno un paio di litri al giorno. In generale è buona regola aumentare le dosi quando il colore delle urine è troppo scuro e/o di cattivo odore (per esempio nel periodo estivo o più in genere quando si fa sport e si suda molto).

- ALCOL E BEVANDE ZUCCHERATE. Aranciate, bibite, cola, succhi di frutta, birra, caffè zuccherato, oltre a fornire acqua, apportano anche altre sostanze che contengono calorie (zuccheri, alcol) o che sono farmacologicamente attive (ad esempio caffeina) e vanno quindi usate con moderazione. 
Probabilmente all'inizio della dieta, specie se si è abituati a bere poco, l'aumentato introito idrico stimolerà la diuresi, problema che può essere prevenuto bevendo frequentemente e a piccoli sorsi, cosa che permette al corpo di imparare ad assorbire una maggiore quantità di acqua.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diete, cellulite: come combatterla a tavola

Today è in caricamento