rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Donna

Allarme ceretta brasiliana: alto il rischio di infezioni virali

Le lesioni cutanee causate dalla rimozione dei peli facilitano il contagio di fastidiosi virus della pelle

Uno studio francese pubblicato sulla rivista Sexually Trasmitted Diseases lancia l’allarme sulla pericolosità di radere integralmente o quasi le parti intime, pratica che ha preso piede tra le donne e gli uomini che vogliano essere completamente glabri.

La ceretta cosiddetta ‘brasiliana’, rimedio fornito dai centri estetici come mezzo tanto efficace quanto doloroso per ottenere l’aspetto desiderato, è stata considerata la causa, oltre che di irritazioni locali, anche del virus cutaneo del Molluscom contagiosum che si può contrarre tramite semplici graffi, oggetti contaminati come gli asciugamani o per via sessuale (negli ultimi 10 anni i casi di questo tipo sono notevolmente aumentati).

Gli esperti della clinica di Nizza, infatti, hanno ne analizzato 30 casi e per dieci volte sono stati rilevati altri problemi della pelle come peli incarniti, follicolite, cisti. Il 93% dei soggetti aveva rimosso peli pubici, per cui per gli studiosi i microtraumi dovuti alla rimozione dei peli sarebbero i responsabili della trasmissione del virus.

Pertanto, sebbene un’altra ricerca australiana avesse decretato che la depilazione della zona bikini avesse contribuito all’estinzione dei pidocchi pubici, pare proprio che la diffusa prassi non sia del tutto sana per il corpo, considerando anche i risultati avuti dall’Università della California di San Francisco secondo cui la depilazione in questione ha fatto aumentare di cinque volte il numero di donne ricoverate in ospedale per ferite ai genitali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme ceretta brasiliana: alto il rischio di infezioni virali

Today è in caricamento