Lunedì, 12 Aprile 2021

Addio punture: contro il diabete basterà un 'tatuaggio'

I ricercatori dell'Università di San Diego hanno realizzato un dispositivo che monitora i livelli di glucosio nel sangue senza bisogno di pungere la pelle

Una specie di cerotto, un tatuaggio temporaneo che misura i livelli di glucosio nel sangue presenti sulla pelle, potrebbe permettere ai diabetici di dire addio alle fastidiose punturine al dito fatte per tenere sotto controllo la glicemia.

L'idea innovativa è dei ricercatori dell'Università di San Diego, negli Usa, che hanno realizzato un dispositivo leggero e ultra-sottile che si applica sul braccio senza provocare irritazioni cutanee.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Analytical Chemistry e descrive il funzionamento del sensore che, proprio come i tatuaggi che si applicano direttamente sulla pelle tramite "trasferello" di carta, aderisce all'epidermide e attraverso un sistema di elettrodi incrociati, genera una corrente impercettibile che attrae a sé gli ioni di sodio presenti nel fluido tra una cellula e l'altra, responsabili del trasporto di glucosio.

I test preliminari su sette volontari sani hanno dimostrato che è in grado di determinare con precisione i livelli di glucosio e i ricercatori concludono che il dispositivo potrebbe essere concretamente utilizzato in futuro per la gestione del diabete e per altre condizioni correlate, come le malattie renali, dato che la sua produzione richiede pochi centesimi, tentando, inoltre, di consentire all'apparecchio di comunicare i risultati delle analisi spedendoli direttamente al medico, via bluetooth.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio punture: contro il diabete basterà un 'tatuaggio'

Today è in caricamento