rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Donna

Dimagrire con la forza del pensiero si può: ecco come

Ci sono delle semplici azioni che aiutano a tenere a bada la fame e contribuiscono a dare un veloce senso di sazietà

Al bando i conteggi calorici e i difficili tentativi di dire no ai peccatucci di gola: attenzione e concentrazione possono bastare come base per limitare gli eccessi alimentari e abbracciare uno stile di vita sano in cui è il cervello a fare da padrone in virtù della regola ‘mens sano in corpore sano’.

Nessun medicinale o tecnica assurda proveniente dall’oriente, dunque, solo piccoli accorgimenti che la scienza assicura essere di aiuto al mantenimento di una corretta forma fisica.

- Lavare i denti. Uno studio condotto dal professor Gregory Livshits presso la Tel Aviv University sostiene che lavarsi i denti contribuisca significativamente a resistere agli attacchi di fame e di conseguenza a dimagrire. Nell’esperimento a 540 volontari, divisi in due gruppi, è stato chiesto di mangiare metà di una focaccia di 100 grammi. Successivamente al primo gruppo è stato ordinato di lavare i denti, al secondo gruppo sono stati concessi 10 minuti di pausa. Al ritorno è stato chiesto ad entrambi i gruppi se avessero intenzione di terminare il pasto, mangiando la rimanente metà focaccia. Il 75% degli esaminati con i denti appena lavati ha preferito desistere, contro appena il 12% dell’altro gruppo.

- Illusione. Il professor Brian Wansink della Cornell University ritiene che il contrasto fra il colore del cibo e il piatto in cui viene servito influenza direttamente la quantità di cibo che viene ingerita. I ricercatori hanno sottoposto 100 soggetti di ambosessi a due buffet a base di pasta con pomodoro, differenti nel colore dei piatti in cui le pietanze erano servite: nel primo la pasta col pomodoro era disposta in piatti bianchi, nel secondo in piatti rossi. Chi sceglieva il cibo dal piatto rosso mangiava circa il 17-22 % in più rispetto a chi utilizzava piatti di colore differente. Mangiare in piatti di un colore in contrasto con quello del cibo aiuterebbe, pertanto, a non ingozzarsi. 

- Mangiare con l’altra mano. L’Università di Southern in California ha scoperto che è possibile tenere sotto controllo il proprio peso corporeo semplicemente mangiando con la mano sbagliata, poiché “quando mangiamo ripetutamente un determinato cibo in un ambiente specifico il nostro cervello è portato ad associare quel cibo con quell’ambiente. Continuiamo a mangiare fino a quando questi segnali sono presenti”. 

- Spegnere il pc. I ricercatori della Columbia University e della University of Pittsburgh sostengono che stare troppo tempo davanti al pc stimola a consumare eccessivi grassi, snack, patatine:  ”Interagire su internet con gli amici di Facebook aumenta notevolmente la confidenza fra le persone, ma a caro prezzo. Il social network riduce la nostra capacità di auto-controllo portandoci all’assunzione smodata di cibo spazzatura, che avviene generalmente poco dopo aver chiacchierato su internet”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimagrire con la forza del pensiero si può: ecco come

Today è in caricamento