rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Donna

Gonfiore intestinale, una dieta non dieta per sconfiggerlo

Per ritrovare energia e forma fisica, eliminando ritenzione e gonfiori, bastano due giorni di alimentazione controllata. Provare per credere

Esiste perfino un tormentone pubblicitario, in cui una nota diva dichiara di averlo sconfitto definitivamente: si tratta del gonfiore addominale, odiata prominenza che può affliggere anche le più snelle, a volte così accentuata da dover rinunciare a indossare l’abitino fasciante o i jeans a vita bassa.

Provocato da un mix di ritenzione idrica, infiammazione intestinale e di tutto un po’, il gonfiore diventa nella stagione estiva ancora più difficile nascondere. In farmacia ed erboristeria sono innumerevoli i prodotti che promettono miracoli, grazie alla presenza di sostanze disintossicanti e depurative, e sicuramente tutte noi abbiamo provato prima o poi a farvi ricorso.

Fermo restando che si tratta di preparati utili ed efficaci, perché non tentare per  un paio di giorni di seguire una dieta-non-dieta, mirata soprattutto a liberare l’organismo dalle tossine e a favorire il ricambio cellulare? Se ne trarranno vantaggi sia per quanto riguarda il giro-vita che la luminosità della pelle, per non parlare poi della sensazione di rinnovata energia e leggerezza che questa dieta può regalare.

Il momento migliore per una simile iniziativa è un week-end libero da impegni, così da poter approfittare anche di un meritato riposo. Cominciamo da ciò che non si deve mangiare durante questi due giorni dedicati alla salute: niente carne, niente pasta bianca e cereali, niente formaggi, niente legumi e naturalmente niente alcol. Sono ammesse piccole quantità di pane e pasta, ma rigorosamente integrali.

Siete già nel panico, perché pensate di dover soffrire la fame? Intanto è bene chiarire un concetto: si mangia quasi sempre più di quanto effettivamente necessita l’organismo. Troppe calorie, troppo cibo da digerire, troppo di tutto. Dare all’apparato digestivo un po’ di riposo significa avere più “carica” per sè, perché la digestione è un vero e proprio lavoro, che richiede tempo ed assorbe una grande quantità di energie.

Frutta fresca e verdura a volontà, naturalmente, e tanta acqua oligominerale, da bere a intervalli regolari durante tutto il giorno, per “lavare” internamente tutto il nostro corpo. Bene anche un tè leggero, con limone e poco zuccherato. Ottima per depurare fegato e reni è l’uva, mentre l’ananas ha un azione drenante particolarmente accentuata, perché ricco di bromelina, un enzima che favorisce la digestione ed elimina i gas intestinali. Naturalmente vanno benissimo anche i frutti di stagione, quelli che offre il territorio nei vari momenti dell’anno: ad esempio, tra non molto, compariranno le ciliegie, ottime alleate di bellezza e salute.

Per quanto riguarda le verdure, oltre alle solite insalate, alle carote e ai pomodori, sono consigliabili anche le barbabietole, gli asparagi, i finocchi, le zucchine, il sedano, tenendo presente che più si varia, meglio è. Come condimento, il classico olio extravergine di oliva. L’ideale è optare per 4-5 piccoli pasti durante la giornata, riservando alla classica ora del pranzo e della cena qualcosa di un pochino più sostanzioso, per esempio del pesce, cucinato in modo semplice e senza grassi, oppure una piccola porzione di pasta integrale, magari condita con verdure o sugo di pomodoro fresco.

Ottimo anche lo yogurth, preferibilmente bianco e senza zucchero, che insieme ad un paio di fette biscottate integrali può rappresentare una salutare e leggera colazione. Mentre si mangia, è importante ricordarsi di sedere a tavola, di spegnere la televisione e di masticare con cura e lentamente, assaporando il pur semplice cibo di cui ci si sta nutrendo. Questa sarebbe una regola da seguire sempre, perché al gonfiore contribuisce molto l’ingestione di aria, conseguenza di una masticazione frettolosa e superficiale.

E durante questo magico week-end, niente shopping per le vie del centro, in mezzo a smog e confusione: per far sì che il recupero per l’organismo sia a 360 gradi, molto meglio passeggiate nel parco o lungo un viale alberato. Quando tornerà il lunedì, vi sentirete rinate, ed entrerete nei jeans senza bisogno di andare in apnea!

 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gonfiore intestinale, una dieta non dieta per sconfiggerlo

Today è in caricamento