Domenica, 20 Giugno 2021
Donna

Foto vietate alle grasse: Instagram censura le #curvy

Il social network ha bloccato il termine ‘curvy’ perché “viola le linee guida sulla nudità”, generando una scia di polemiche che hanno dato vita ad una bella ‘vendetta’. Chi di hashtag ferisce….

foto da Instagram #curvyisnotacrime

Niente curve su Instagram, o meglio, niente #curvy, perché quando si tratta di social network è un hashtag a fare la differenza, a mettersi di traverso tra la libertà di mostrarsi e il divieto di farlo sancito in nome di un principio che vorrebbe apparire ‘politicamente corretto’, ma che, in pratica, stabilisce se, chi e quanti centimetri bisogna misurare per permettersi il vezzo dell’ostentazione. 

Recente è la decisione presa dagli amministratori del social delle immagini condivise di inserire proprio #curvy nella lista di proscrizione non gradita e dunque non permessa. Il termine, ormai è noto, è riferito prettamente alle donne con qualche chilo in più rispetto al normopeso, donne che si sentono a loro agio col proprio corpo, con la loro bellezza lontana dai canoni e che proprio per questo hanno iniziato a imporsi prepotentemente, giustamente, anche nel mondo della moda un tempo feudo della femminilità mingherlina. 

Al contrario, il problema non si pone per gli hashtag #thin, #skinny e addirittura #anorexia e per chi proprio voglia  esprimere l’innominabile concetto, gentile concessione è elargita per #curvygirl, #curvyfashion e  #curvywomen, accettati e suggeriti come alternative per una stravagante logica che valla a capire. 

Un portavoce di Instagram ha spiegato a Buzzfeed che la decisione è stata presa perché troppe persone lo utilizzavano per condividere foto osé che non rientravano nelle linee guida in materia di nudità del social, risposta che non ha convinto molto la maggioranza dei dotati di un’intelligenza media che si sono chiesti com’è che allora termini del tipo #fat (grasso) sia ammesso con liberale candore.  

Tra le numerose critiche e reazioni, si è imposta anche la voce bella squillante della fashion blogger romana Martina Mercedes Corradetti che, come fa sapere Vanity Fair, è passata all’azione lanciando la sfida a Instagram: “Usiamo tutti l'hashtag #curvyisnotacrime per far capire che essere in carne non è un crimine”, contenitore di immagini bellissime che sarà possibile ammirare almeno fino alla prossima censura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foto vietate alle grasse: Instagram censura le #curvy

Today è in caricamento