rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Donna

La moda passa...il jeans resta

Il jeans, di ogni forma e colore, si conferma anche quest'anno un must have esente dai capricci modaioli

Fugace, effimera, instabile. La moda è così, è la tendenza di un momento illuminata dai flash fotografici e immortalata dalle riviste patinate, destinata per sua natura ad invecchiare quanto prima.

Eppure, nel rincorrersi affannoso dei diktat imposti da questo o quello stilista, ci sono dei punti fermi che resistono immuni al circolo vizioso del mutamento: il blue jeans, per esempio.
Da più di un secolo resiste negli armadi di uomini e donne come baluardo di confortevoli certezze, rassicuranti comodità, rigenerante rilassatezza. E anche quest'anno, in un esercito di tendenze più o meno banali, viene riproposto ancora, come un jolly da indossare per sentirsi apposto in ogni occasione.

Per l'inverno 2012, il denim si presenta, ancora una volta, in molteplici versioni.
C'è quello che risalta al massimo le curve femminili e cinge il corpo senza lasciare nulla all'immaginazione. Aderisce come una seconda pelle, dai fianchi fino alla caviglia, nei classici modelli a cinque tasche rinforzate dai chiodini in metallo, come quelli proposti da Patrizia Pepe. L'altezza del punto vita si solleva, decretando la fine dei cenni ammiccanti di mutande e culotte, il pantalone scivola lungo la gamba, dritto come una colonna, oppure si ferma sul ginocchio, per allargarsi in quella forma a campana tanto cara alle donne degli anni settanta.
E se non si gode  di forme propriamente “armoniche”, niente panico: ecco in aiuto il “push up”, che assicura di resistere alla forza gravitazionale di un lato B un po' troppo “morbido”.

In principio fu la Bottom-up Collection di Liu Jo, che ancora oggi, grazie a un carrè rovesciato  e ad una pince applicata in un punto strategico, rimodella i volumi di altezza e bacino e regala a tutte la magia di uno stacco di coscia da urlo. Poi, sullo stesso filone “abracadabra”, è arrivato Eve Lerock, che promette addirittura di combattere gli inestetismi della cellulite grazie ad un complesso cosmetologico attivo che favorisce il drenaggio dei liquidi in eccesso, semplicemente camminando.
Tuttavia, se non si cerca necessariamente la perfezione fisica e si punta all'agio donato da questo capo d'abbigliamento, ecco i distesi “boy friend”. Ambigui e imprecisi, nè larghi né stretti, con un risvolto alla caviglia che rende l'idea del furto commesso da lei nell'armadio del proprio lui, questi jeans sono la panacea fashion per le portatrici sane di pancetta e rotondità diffuse.

jeans 2012

Le donne che non vogliono rinunciare alla seduzione, ma neppure sottoporsi a forme imprecise di tecniche sotto-vuoto, possono, dunque, affidarsi ai calzoni per eccellenza, ancora oggi attuali e versatili, e confidare sempre nello stile personale, l'unico davvero immune dal conteggio canonico delle misure imposte dalle mode del momento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La moda passa...il jeans resta

Today è in caricamento