rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Donna

La modella contro Photoshop: “Il mio corpo è stato umiliato”

Meaghan Kausman si è detta shockata dalla trasformazione del suo corpo attraverso il programma di fotoritocco che l’ha reso più magro e snello: “Basta col messaggio che ‘più magre è meglio’!”

C’è chi lo invoca, zitto zitto, con quel velo di pudore che nasconde velleità narcise, e chi lo detesta, urlando a mezzo web il disappunto per il suo eccessivo utilizzo: parliamo di Photoshop, il programma di fotoritocco tanto in voga nel momento soprattutto nel mondo della moda, tornato alla ribalta in queste ore per essere al centro di una polemica sollevata da una modella australiana 23enne Meaghan Kausman.

La ragazza, infatti, che ha posato sott'acqua per una fotografa australiana, sarebbe rimasta impressionata nel vedere come in una campagna pubblicitaria che ha utilizzato la sua immagine, il suo corpo fosse stato modificato e smagrito.
Pubblicando gli scatti ‘prima e dopo’ (Photoshop), la modella ha raccontato: “Una mattina mi sono svegliata e sul profilo Instagram della marca di costumi ho visto la mia foto totalmente ritoccata: ventre appiattito e gambe affusolate. Mi sono sentita umiliata perché né a me, né alla fotografa, avevano parlato di ritoccare l'immagine: se l'avessimo saputo non avremmo dato il permesso di utilizzare i nostri scatti”. 

“Mi rifiuto di stare dalla parte di chiunque voglia diffondere la convinzione che ‘più magre è meglio’. Tutte le donne sono belle e ciascuna ha le sue forme! Il mercato pubblicitario è folle”, ha proseguito la modella, ricevendo in risposta parecchie messaggi e commenti di sostegno e approvazione, anche perché per quella foto, né Meaghan, né la fotografa hanno ricevuto compensi in denaro “per cui ci aspettavamo almeno che venissimo rispettate nel nostro lavoro e nella nostra arte”, ha detto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La modella contro Photoshop: “Il mio corpo è stato umiliato”

Today è in caricamento