Sabato, 10 Aprile 2021

Vuole vincere una gara di bellezza: si inietta olio nei pettorali e muore

Un ragazzo messicano è morto dopo una settimana di agonia per aver tentato di gonfiare il petto con un assurdo metodo casalingo

Si era iniettato olio da cucina nei pettorali per aumentarne il volume e vincere un concorso di bellezza: per questo Juan Manuel Sanchez, originario di Hunucma in Messico, è morto dopo 8 giorni di agonia, per il rigetto della sostanza che gli aveva causato un malore subito dopo la puntura e contro il quale non c'è stato nulla da fare.

Sanchez voleva impressionare i giudici della gara per i suoi muscoli voluminosi e per questo era ricorso ad un metodo casalingo che, come scrive il sito Metro, gli ha causato subito la fatale reazione e a nulla sono serviti gli antidolorifici che i suoi amici gli hanno somministrato con la speranza di farlo riprendere.

I compagni hanno aspettato un giorno prima di chiamare i soccorsi, ma le condizioni di 'Bebo' - come veniva chiamato confidenzialmente - erano ormai disperate ed è morto dopo 8 giorni di agonia in ospedale. 

I medici hanno spiegato che l’olio si è diffuso fino ad intaccare gli organi vitali, dai polmoni al cervello, e il suo corpo ha avuto un violento rigetto, come accade nei trapianti di organi, fino al collasso che l’ha ucciso.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vuole vincere una gara di bellezza: si inietta olio nei pettorali e muore

Today è in caricamento