Lunedì, 20 Settembre 2021
Donna

Coppie, è ora delle corna: tra le 19 e le 22 la scappatella migliore

Un sondaggio rivela che i tradimenti 'ben fatti' sono quelli consumati all’ora di cena, quando trovare una scusa è più semplice e non si destano sospetti, per quanto anche la pausa pranzo nasconda qualche ‘peccatuccio’...

Pure per imbastire un bel paio di corna al partner ci vuole pazienza, altroché, bisogna saper aspettare con calma il momento giusto della giornata, perché si sa come vanno queste cose, basta un attimo d’incuria sul dettaglio spazio-temporale e addio, scatta un macello colossale che di certo non contempla scuse e imprevisti come attenuanti al danno fedifrago.

Per sondare le abitudini degli italiani adulteri, il sito di incontri extraconiugali AshleyMadison.com ha intervistato 3.000 utenti iscritti riguardo le loro preferenze in fatto di ‘sexual timing’, delineando la fascia oraria serale tra 19 e le 22 come il momento più propizio della giornata per tradire il partner secondo il 35% degli uomini e il 37% delle donne del Belpaese: partite di calcetto, lezioni di zumba o improvvise cene d’affari, infatti, sono gli ‘impegni’ perfetti che fungono da alibi per non rincasare dopo il lavoro e raggiungere l'amante con cui sollazzarsi in prima serata. 

Per chi, invece, preferisce lo sgabuzzino dell'ufficio o la scrivania, l'orario migliore è tra le 13 e le 15 quando l'amante è un collega di lavoro con il quale, per il 29% degli intervistati e il 31% delle intervistate, la pausa pranzo stimola appetiti di ben altra natura.

C’è poi il 17% degli uomini e il 12% delle donne che preferisce le prime ore della giornata, tra le 7 e le 9, per sfruttare appieno il vigoroso risveglio dei sensi: in tali casi, la corsetta al parco o una riunione da preparare a mente fresca sono i pretesti consueti per ottenere i benefici di una colazione ad alto contenuto erotico. 

Dopo il trambusto mattutino, arriva ‘l’ora delle casalinghe’ che, dopo aver accompagnato i bambini a scuola e sbrigato le faccende domestiche, possono finalmente dare sfogo a qualche capriccio, come ammette il 14% delle italiane e il 9% degli italiani che dichiara di consumare la propria infedeltà tra le 10.00 e le 13.00 e, in barba ai cliché degli amanti al chiar di luna, solo il 6% delle donne e il 10% degli uomini confessa di avere rapporti extraconiugali in una fascia oraria che si estende dalla mezzanotte alle prime ore dell’alba, perché mal si conciliano con l’inevitabile coprifuoco coniugale.

"Tradire è un’esigenza che non conosce orari o professioni”, afferma Noel Biderman, Ceo e fondatore di AshleyMadison.com, “gli uomini e le donne che decidono di farlo cercano semplicemente di ritagliarsi uno spazio d’evasione in una giornata già fitta di impegni e piena di stress. Così chi fa il manager si trattiene oltre l’orario d’ufficio, gli impiegati si affidano alla pausa pranzo e chi lavora da casa sfrutta la seconda parte della mattina. L’importante è trovare l’attimo fuggente per l’amore... fedifrago".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppie, è ora delle corna: tra le 19 e le 22 la scappatella migliore

Today è in caricamento