rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Donna

Regali poco graditi? Niente paura, in vostro aiuto c'è l'arte del riciclo

Con un po' d'ironia e di inventiva, possiamo liberarci dei regali poco graditi, ma che a qualcun altro potrebbero pur sempre piacere

E anche quest’anno Natale è trascorso, Capodanno compreso, con in più l’eccitante brivido della fine del mondo fortunatamente scampata.

E mentre il tran tran quotidiano riprende i suoi ritmi, avrete sicuramente tirato il fiato e contratto gli addominali davanti allo specchio, accorgendovi con rammarico di qualche sgradita morbidezza in più nella zona “maniglie dell’amore”, ma pazienza,  prima della  prova costume c’è ancora tutto il tempo di correre ai ripari.

Qualche etto di troppo non è però il solo strascico del periodo natalizio, perché, riordinata la casa e sistemata la  cucina (messa a dura prova qualora il teatro delle immancabili riunioni familiari sia stata casa vostra) è fatale che scopriate abbandonati in un angolo – in attesa di deciderne la destinazione definitiva – i famosi “regali inutili”.

Intendiamoci, è una grande gioia fare doni agli amici e alle persone care, forse ancora più che riceverne, ma tutte sappiamo bene quanto è difficile la scelta dell’oggetto giusto, a maggior ragione in questi tempi di crisi, con i prezzi alle stelle e il conto corrente pericolosamente “off”.

E così, capita anche nelle migliori famiglie e con le più volonterose intenzioni che si acquistino  regali inadatti o poco graditi, accolti con un piacere un po’ forzato da parte del destinatario. E siccome nessuno è esente da questo tipo di disavventure (alzino la mano coloro a cui non è mai capitato!), di regali deludenti ne abbiamo sicuramente ricevuti a nostra volta.

Che farne? Accumulare anno dopo anno oggetti e oggettini e altri cotillons di cui non sappiamo che fare e che nemmeno ci piacciono? Per fortuna ci viene in aiuto una poco elegante ma utilissima pratica, da non confessare nemmeno al proprio migliore amico, ma pur sempre preziosa in questi spinosi frangenti: il RICICLO!

Se è materialmente possibile ricorrere a tale non troppo onorevole escamotage, perché non approfittarne? Ovviamente, non possiamo riciclare l’anno successivo qualcosa che ormai è definitivamente “scaduto”, tipo il biglietto del concerto di cui proprio non ci interessava nulla, ma in tanti altri casi, con un po’ di inventiva e abilità, si può anche riuscire a fare impunemente bella figura...gratis!

Vogliamo divertirci a stilare la classifica dei dieci regali più frequenti e di come riciclarli spudoratamente?

10 - Omaggi per cure estetiche che vi convincono poco (l’idea di un massaggio può anche non attrarvi affatto!), ma che invece farebbero comodo ad un'amica, magari un po’ giù di morale. Se il buono-omaggio non è nominale, sarebbe non solo un regalo riciclato, ma un vero atto di generosità (a Natale non siamo tutti più buoni?)

9 - Un cd musicale che avete già ascoltato – e che non vi è piaciuto! - o un biglietto per un concerto che non vi interessa. In questo caso, come nel precedente, il riciclo deve essere effettuato in tempi veloci, prima che il regalo non sia più utilizzabile, però ....se abbiamo sotto mano la persona giusta, perchè non offrirle la possibilità di approfittarne?

8 - Libri “colti”. Ci vergogniamo di ammetterlo e non lo faremmo neanche sotto tortura, ma che barba certi libri di arte o di storia....magari anche in edizioni costose e super patinate. Quindi...spremiamoci le meningi: tutte abbiamo un'amica nerd da rendere felice, e allora facciamolo!

7 - Cioccolatini, dolciumi, leccornie in genere, che non sono di vostro gusto oppure che divorereste in un boccone – con esiti fatali per la vostra linea. Via, vanno immediatamente riciclati all’amica più magra che avete!

6 - Linee di make up con colori che proprio non vi si addicono. Inutile tenerle ad intasare la vostra, sicuramente già super-affollata, zona beauty. Possibile che non abbiate una conoscente a cui quelle sfumature potrebbero donare tantissimo?

5 - Lingerie che vi piace poco o che – come succede spesso – è troppo hot. Se ve l’ha regalata il vostro partner, rassegnatevi, o cambiate fidanzato o sarete proprio costrette a sfilare in perizoma e reggiseno a balconcino – o in guepiere alla Dita Von Teese.... Se il regalo troppo audace proviene invece dalla vostre amiche, perché non fare felice la vostra collega d’ufficio, single e in cerca di avventure?

4 - Analogo discorso per capi abbigliamento in genere e perfino bijoux che sapete già non indosserete mai: se avete una frequentazione molto stretta con la persona che ve li ha regalati, avete l’obbligo di indossarli almeno una volta – tanto per darle un minimo di soddisfazione – ma, in caso contrario, parola d’ordine “riciclo”!

3 - Bottiglie di vino, liquori, nocini vari: riciclarli è un gioco da bambini!

2 -Candele profumate di forme e colori stravaganti, magari anche belle da vedere ma che sapete già non utilizzerete, o che rischiano di finire in bocca al vostro cagnolino, attirato dalle tinte vivaci e dall’aroma.. Urge un riciclo velocissimo e a colpo sicuro.

1 - E adesso arriviamo al top della nostra hit parade, vale a dire a quella categoria di oggetti per cui il riciclo è quasi un dovere morale: i cosiddetti “acchiappa polvere” (“ciapapuar” nel dialetto di chi scrive..). Si tratta di pupazzi e pupazzetti, statuette e statuine, soprammobili alla fantozzi, bamboline e animaletti vari, insomma di tutti quegli oggetti il cui unico scopo nella vita è di ricoprirsi di polvere e determinare un aggravio delle già faticose operazioni di pulizia della vostra casa.

Non dovete avere un solo attimo di esitazione: riciclateli immediatamente, e auguratevi che tra qualche anno, compiuto un lungo giro di “ricicli”, non ve li ritroviate di nuovo tra i regali di Natale che riceverete...

foto @ TM News Infophoto?

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regali poco graditi? Niente paura, in vostro aiuto c'è l'arte del riciclo

Today è in caricamento