Martedì, 18 Maggio 2021

Il rossetto giusto? Dipende dalla forma delle labbra

Carnosa, sottile, larga o ‘all’ingiù’: ogni bocca va truccata in modo diverso perché venga esaltata nel giusto modo

Va bene che il rossetto venga scelto in base alla moda del momento e al look che varia da quello più sobrio per l’ufficio ad uno più eccentrico per la sera, ma ciò non toglie che bisogna prendere in considerazione la forma che ha ogni bocca che esige un’attenzione specifica a seconda dei suoi tratti.

Varie formulazioni soddisfano, infatti, diverse esigenze: i rossetti idratanti ammorbidiscono anche le labbra più secche, quelli con agenti volumizzanti le enfatizzano, quelli arricchiti con vitamine e altre sostanze rigeneranti aiutano a mantenere giovane la delicata mucosa delle labbra.

- Carnose. Belle e impegnative, per renderle meno evidenti senza perdere in sex appeal, è bene applicare rossetti mat dall'effetto opaco in tonalità piuttosto intense o scure, mai brillanti. Meglio evitare i rossetti lucidi, non usare la matita per il contorno labbra che ne accentua i volumi e picchiettare il rossetto con le dita senza definire i contorni.

- Irregolari. Sono caratterizzate da un volume sproporzionato, per cui il labbro superiore è meno carnoso di quello inferiore. Per riequilibrarlo, bisogna usare il gloss al centro delle labbra insistendo sul labbro meno voluminoso usando un po' di correttore chiaro con un bastoncino di cotone appena sopra il centro del labbro, dove si forma la classia 'M', e sfumandolo fino all'attaccatura del naso.

- Sottili. Si valorizzano con un rossetto lucido o satinato, magari arricchito di pagliuzze luccicanti, ma anche con uno ultrabrillante o con un gloss effetto specchio: il volume, così, è assicurato grazie alla luce. Perfette le tonalità chiare, dal nudo al rosa, dall'oro al bronzo, sono da evitare i rossetti opachi e i toni cupi che le restringono visivamente. Il trucco usato sui set fotografici è quello di applicare una garza bagnata di acqua calda prima di mettere il rossetto: l'effetto volume dura poco, ma aiuta nelle occasioni speciali.

- Larghe. Per ridurle si può tracciare il profilo con la matita restando un po' all'interno della linea naturale delle labbra e mettere un rossetto lucido in un tono chiaro. No alle nuance squillanti o cupe che risultano eccessive.

- Piccole. Prima di stendere il rossetto si può allargare leggermente il contorno delle labbra con una matita color carne e ripassare il tratto con un'altra matita nella stessa tonalità del rossetto. Risulteranno più visibili con colori un po' scuri, squillanti e leggermente opachi, non con i gloss effetto nudo.

- Indefinite. Con la matita si dà particolare risalto alla 'M' del labbro superiore e si tratteggia quello inferiore appena fuori dal bordo naturale. Per dare enfasi alla bocca ci vuole poi un rossetto di un colore forte, dal rosso classico al fucsia, dal marrone all'arancio, meglio se lucido.

- ‘All'ingiù’. Con un correttore di un tono più chiaro rispetto al colorito del viso bisogna nascondere gli angoli delle labbra e poi, con la matita, ridisegnare il contorno in modo da creare nuovi angoli più alti. Meglio evitare i colori accesi troppo squillanti, che mettono in evidenza gli angoli della bocca.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rossetto giusto? Dipende dalla forma delle labbra

Today è in caricamento