Mercoledì, 14 Aprile 2021

Stefano, l’uomo con il cancro al seno: “Vi mostro le mie cicatrici per informare”

Un 48enne di Prato posa mostrando i segni delle cicatrici: "Il cancro al seno non è solo roba da femmine” scrive sul suo blog

Stefano Saldarelli posa per la campagna #cancrolasenonmaschile

La testimonianza di Stefano Saldarelli è destinata ad abbattere le credenze di quanti fino ad ora hanno pensato che il cancro al seno sia prerogativa delle donne.

L’uomo, un grafico di Prato di 48 anni, è stato il primo a doversi ricredere quando nell'agosto del 2017 ha scoperto di avere un tumore di questo tipo grazie alla moglie che per prima si è accorta di un anomalo rigonfiamento all’altezza del capezzolo. Da lì l’inizio di un calvario, fisico ma anche psicologico, in quanto unico maschio in fila per una mammografia con altre compagne di sventura e costretto a tutto l'iter necessario per la guarigione.

Per questo motivo Stefano ha voluto raccontare la sua esperienza in un blog, stefanosaldarelli.com, e lanciare la campagna #cancroalsenomaschile, mirata alla prevenzione.

“La mia storia parla di cancro al seno maschile” - scrive Stefano sul suo blog – “Ho compreso che stavo generando qualcosa di importante, scaturito da ‘grandi poteri’: la conoscenza o consapevolezza di un male che mi ha toccato, che mi ha colpito personalmente e dal quale ho tratto un’esperienza e la necessità di raccontare o di comunicare questa esperienza".

Nel suo diario online vengono riportate percentuali e cifre, che danno l’idea della malattia e fanno riflettere, supportate dalle immagini che lo ritraggono con i segni delle operazioni sul corpo nudo: "Il cancro al seno non è solo roba da femmine”.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stefano, l’uomo con il cancro al seno: “Vi mostro le mie cicatrici per informare”

Today è in caricamento