Mercoledì, 20 Ottobre 2021
#nonlasciamolesole

Non lasciamole sole: tutti in piazza in sostegno delle donne afghane

Appuntamento sabato 25 novembre. Ecco le città che aderiscono all'iniziativa e come partecipare

In questi giorni siamo state spettatrici e spettatori delle tante proteste contro i talebani che sono nate in maniera spontanea in tutte le province dell'Afghanistan. Donne di tutte le età sono scese in strada per rivendicare diritti, libertà, pace. Ma dopo le manifestazioni i Talebani hanno iniziato a punirle, entrando nelle case, non permettendogli più di usare i cellulari, di comunicare, di studiare e mettendo a rischio la loro vita e quella dei loro familiari. Ora che ci dicono che tutto è finito, che i talebani hanno vinto e che per le donne non c’è futuro, noi rispondiamo che non le lasceremo sole. Per questo, il prossimo sabato 25 settembre, la fondazione Pangea -  che ha lavorato per vent’anni in Afghanistan e continuerà a farlo portando consapevolezza dei propri diritti, pace ed empowerment - sarà nelle piazza d’Italia e salirà sul palco con le sue sorelle e collaboratrici Afghane. 

Il coraggio delle donne afghane in protesta a Kabul 

Le richieste di Pangea

Le donne afghane che manifestano, le persone che non sono state evacuate con la P di Pangea disegnata sulla mano, quelle che sono morte nell'attentato all'aeroporto e coloro che in questi giorni stanno rischiando la vita per colpa del regime talebano, aspettano un segnale. Da questa urgenza nascono le manifestazioni della Onlus, volte a chiedere:

  •  che i diritti delle donne non siano argomento di negoziazione né retrocedano rispetto a quanto era stato conquistato in Afghanistan: istruzione, lavoro e possibilità di manifestare per tutte e tutti.
  • che le donne possano partecipare alla vita politica e siano nei tavoli internazionali sui processi di mediazione di pace per l'Afghanistan come richiede la risoluzione Onu 1325 su “Donne Pace e Sicurezza”
  • un Osservatorio permanente sui diritti delle donne in Afghanistan, al ministero Affari Esteri e all’Onu, per monitorare la condizione femminile e intervenire sulle violazioni
  • un piano straordinario di evacuazione umanitaria per chi vuole lasciare il paese, con particolare attenzione alle donne che hanno maggiori difficoltà a trovare vie di fuga in maniera protetta
  • un piano di accoglienza in Italia dei richiedenti asilo che rispetti le questioni di genere e che tenga conto delle storie di violenza che vivono le donne nei paesi di provenienza, durante il transito e all’arrivo. 

"Così abbiamo aiutato le donne a scappare da Kabul" 

Le piazze e le città che aderiscono all'iniziativa

Le piazze che al momento hanno aderito all'iniziativa, prevista per il 25 settembre, alle h 12.25 sono: 

  • Roma, ore 14, piazza del Popolo
  •  Milano, ore 10, piazza della Scala
  •  Lecce, ore 17, piazza Sant’Oronzo
  • Bari, ore 17.30, piazza Prefettura
  • Olbia, ore 18 del 24 settembre, via delle Salicornie 5  
  • Venezia, ore 12, Campo San Geremia
  • Teramo, ore 17 largo S. Matteo e ore 19 piazza dei Martiri

Nelle prossime ore, saranno comunicate altre piazze. L’elenco completo delle adesioni sarà consultabile sul sito www.pangeaonlus.org. Oggi più che mai #Nonlasciamolesole. 

Come partecipare

Per comunicarci le adesioni e le piazze del 25 settembre scrivete a manifestazione@pangeaonlus.org. 

Locandina Def (1)-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non lasciamole sole: tutti in piazza in sostegno delle donne afghane

Today è in caricamento