Domenica, 19 Settembre 2021
Arte

Shamsia Hassani, la street artist di Kabul che dà voce alle angosce delle donne afgane

Mobilitazione social per diffondere i lavori dell’artista con protagoniste quasi sempre donne rappresentate spesso senza bocca e con gli occhi chiusi, contrapposte al nero dei talebani

Shamsia Hassani/Instagram

Era già famosa Shamsia Hassani, prima street artist afgana, ma da quando i talebani hanno ripreso il potere in Afghanistan i suoi lavori nei quali attacca frontalmente i talebani e si oppone all'oppressione delle donne hanno trovato nei social una grande cassa di risonanza. Proprio dai social è partita una mobilitazione per condividere i suoi graffiti: immagini potenti che mostrano spesso ragazze con gli occhi chiusi e senza bocca vestite di blu di fronte a miliziani in nero minacciosi e incombenti, simbolo della repressione che le donne afgane stanno vivendo in queste settimane terribili. Un modo per dare voce a chi in questo momento ha difficoltà a comunicare liberamente. Intanto i suoi lavori sono diventati virali. Un collage con alcuni suoi graffiti è stato molto ricondiviso con il messaggio: "Sono opere di un'artista Afghana, si chiama Shamsia Hassani. Se le facciamo girare, sarà come dare voce a lei ed a tutte le #donneafghane che stanno vivendo l'inferno!".

I suoi account social sono rimasti in silenzio per alcuni giorni, facendo temere il peggio per lei, finché su Instagram non è un comparso un ultimo post nel quale l’artista ringraziava per i tanti messaggi ricevuti e faceva sapere di essere al sicuro.

Chi è Shamsia Hassani

Nata in Iran nel 1988, dove i suoi genitori sono emigrati a causa della guerra, Shamsia Hassani è rientrata nel suo paese nel 2005, ha studiato arte all'Università di Kabul, dove è poi divenuta professore associato di scultura, e si dedica alla street art dal 2010. I suoi lavori, con soggetto quasi sempre donne, spesso rappresentate senza la bocca, si rincorrono tra le strade della sua città, dove ora si è nascosta in un luogo sicuro. "Voglio colorare i brutti ricordi della guerra", ha raccontato Hassani in un'intervista ad Art Radar, "e se coloro questi brutti ricordi, allora cancello la guerra dalla mente delle persone. Voglio rendere l'Afghanistan famoso per la sua arte, non per la sua guerra". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Shamsia Hassani, la street artist di Kabul che dà voce alle angosce delle donne afgane

Today è in caricamento