rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Donna

Indossalo ancora, il trench

Il soprabito beige resiste nel guardaroba, oggi come ieri

Chissà se Ingrid Bergman, ascoltando le note di quella melodia suonata da Sam nel film Casablanca, pensasse a quanto quell’impermeabile donasse un fascino misterioso allo sguardo di un intenso Humphrey Bogart.
Ne è trascorso di tempo da allora e oggi il trench, lungi dall’essere un comune soprabito, è diventato una sorta d’involucro della personalità, dapprima riservato agli uomini poi fruibile anche dal gentil sesso.

Il trench protegge, adesso come ieri, buoni e cattivi, eroine romantiche e boss pericolosi. Nato per coprire i soldati della seconda guerra mondiale dalle zone della trincea -da cui prende il nome-, la sua fama cresce con la scoperta di una versatilità che non lo rende mai fuori luogo. Le spalline evidenti, i grandi revers, l’anello sullo sprone per attaccare quello che serviva al soldato, erano in principio le caratteristiche del capo, oltre all’immancabile laccetto sul polso e alla cintura da stringere in vita. Poi gli stilisti lo hanno reinventato, per lasciarlo libero di sfilare sulle passerelle, in ogni variante.
Per l'autunno 2012 Burberry, che del trench ha fatto il suo cavallo di battaglia, lo propone ancora, aggiunge dettagli sofisticati pur lasciando intatta la linea classica, con i bottoni marroni doppiopetto, la lunghezza fino alle ginocchia e la cintura allacciata in vita oppure osa, aggiunge inserti di lana tweed e lo accorcia. Ed è stato del marchio Burberry il progetto di creare il sito  Artofthetrench.com proprio per celebrare il trench Burberry e le persone che lo indossano, invitando gli utenti del sito a presentare i propri ritratti mentre indossano il loro trench personale.

See by Cloè lo reinventa, asimmetrico in verde militare e profili neri, mentre la versione ghiaccio è di Aquascutum, con dettagli a contrasto e fibbie.
Per chi non è disposta a spendere cifre esorbitanti, vengono sempre in soccorso i marchi low cost, come Zara, che accanto a quello tradizionale, avanza l'idea di un modello chiuso da coulisse con maniche in pelle, o Mango, che lo tinge di fango e lo chiude con un fiocco.  

L’autunno 2012 lo rivendica ancora, dunque, come irrinunciabile mania, prima che come funzionale protezione, perché col bel tempo l’apparente banalità di un sobrio beige parla la lingua di uno stile senza stagione mentre con la pioggia diventa un buon pretesto per sentirsi alla moda.
 

Il trench

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indossalo ancora, il trench

Today è in caricamento