Giovedì, 5 Agosto 2021
Trend

'Asilo nido' e 'maternità', i bonus erogati a sostegno della famiglia

L'ente previdenziale ha diffuso le modalità da seguire per richiedere il bonus di 800 euro previsto per le mamme a partire dal 2017, misura che fa il paio con il decreto che regola il buono nidi da mille euro: un aiuto concreto pensato per le famiglie, ma anche per le imprese

800 euro per la nascita o l'adozione di un minore a decorrere dal 1 gennaio del 2017: il cosiddetto bonus 'Mamma Domani' è diventato operativo, e con lui la speranza che possa essere solo il primo di una serie di passi avanti a sostegno delle mogli e dei mariti, dei genitori e dei figli di domani.

Il premio, riconosciuto a tutte le donne incinte o in possesso di determinati requisiti (vedi elenco e modalità di richiesta), è erogato dall'Inps e fa il paio con il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri che regola il 'buono nidi' da mille euro l’anno, utile per l'iscrizione a strutture sia pubbliche che private e per avere forme di supporto presso la propria abitazione. 

"Si tratta di misure stabili che dovranno rimanere a regime" è il commento del ministro della Famiglia Enrico Costa ripreso dal blog del Corriere '27esima ora' alle misure così disposte: "Assieme al voucher baby sitter costituiscono un pacchetto importante a sostegno di natalità e famiglia". 

Un aiuto concreto, insomma, pensato per le famiglie, ma anche per le imprese che - sottolinea il ministro - pure avranno vantaggi, perché più i dipendenti conciliano i tempi del lavoro con quelli della famiglia, più aumenta la produttività.

In effetti, in Italia, il binomio lavoro-famiglia è sempre stato tanto semplice da concepire quale tassello indefettibile di una società moderna, tanto ostico da pensare nella fattibilità di un'organizzazione che rendesse l'uno supporto dell'altra e viceversa. 

I genitori lavoratori sono sempre stati quelli che hanno pagato il prezzo più alto per conciliare il proprio ruolo nella famiglia come nel lavoro, e l'amara circostanza che ormai un solo stipendio non basti per un intero nucleo familiare ha quantuplicato le difficoltà.

Il rapporto dal titolo 'Famiglia, lavoro, gender gap: come le madri-lavoratrici conciliano i tempi' messo in atto nel 2016 dall'Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro lo ha spiegato bene: in presenza di salari bassi, soprattutto per le madri, è quasi più conveniente non lavorare, con la conseguenza che diventa prioritario ridurre il costo dei servizi di cura per l'infanzia attraverso agevolazioni fiscali e soprattutto misure di welfare aziendale che prevedano la partecipazione ai costi da parte delle imprese.

Si pensi che nel momento in cui è stata eseguita l'indagine - 5 luglio 2016 - , lo 0,1% dei lavoratori dipendenti italiani (21 mila unità) ha ricevuto il rimborso per le spese sostenute per i servizi rivolti all'infanzia (asili nido, scuole materne e centri estivi), con minime differenze di genere, mentre lo Stato non è stato in grado di fornire al cittadino un sistema completo di welfare che coprisse ogni esigenza determinata dal progressivo invecchiamento della popolazione e dalla maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro, a causa dei sempre più stringenti vincoli di spesa. 

Per questo le ultime misure sui bonus 'mamma' e 'asilo nido' sembrano finalmente guardare davvero alla concretezza di un futuro che non potrà in nessun modo pensarsi migliore senza il supporto delle istituzioni. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Asilo nido' e 'maternità', i bonus erogati a sostegno della famiglia

Today è in caricamento