Coronavirus, Dacia Maraini: “Tanta gente è depressa, per reagire ci vuole orgoglio”

Al programma radiofonico 'Circo Massimo' il commento della scrittrice sull'emergenza sanitaria in corso

Dacia Maraini

"Per reagire ci vuole orgoglio. Non si cambia solo con il Pil e la politica, ma con il sentimento di una comunità che vuole uscire da una situazione difficile per migliorare. Senza questo spirito non se ne esce": così la scrittrice Dacia Maraini, ospite della trasmissione radiofonica 'Circo Massimo' su Radio Capital, ha commentato il periodo di emergenza sanitaria che gli italiani stanno affrontando a causa della pandemia di coronavirus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è tanta gente depressa. La mia farmacista mi ha detto che non ha mai venduto così tanti antidepressivi", ha aggiunto la scrittrice, secondo cui questa situazione può portare ad una lezione: "Quando esco, vedo che l'aria è cambiata, non c'è più smog. Questo ci deve insegnare che noi possiamo cambiare, per esempio limitando il traffico". Da questa emergenza, dunque, ne usciremo migliori? "Bisogna che ci sia questo sentimento di orgoglio: se prevale, ne usciamo bene e migliori; altrimenti, ricaschiamo e torniamo quelli di prima" ha concluso Maraini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Bonus auto da 4000 euro: arriva l'eco-sconto per salvare l'automotive

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 4 giugno 2020

  • A giugno ultima busta paga "light", poi arriva il bonus fino a 100 euro

  • Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

Torna su
Today è in caricamento