Mercoledì, 27 Ottobre 2021
questione social

Facebook sotto torchio per le accuse di danneggiare le adolescenti

La portavoce del social network Antigone Davis ha replicato alle accuse lanciate dal Wall Street Journal in una seduta al convocata al Congresso americano

Dopo le rivelazioni del Wall Street Journal sui possibili impatti negativi delle sue piattaforma (compresa Instagram) sulla salute mentale delle adolescenti, Facebook ha replicato in una seduta convocata presso il Congresso americano. Secondo il senatore dem Richard Blumenthal, le rivelazioni riguardanti le ricerche interne di Facebook dimostrano anche come il social fosse a conoscenza degli impatti dannosi dei suoi siti sui bambini e del suo tentativo di nascondere tali evidenze.

Antigone David, capo globale della sicurezza di Facebook, ha replicato che il Wsj ha pubblicato in modo selettivo le ricerche interne per dare una visione inaccurata e fosca del lavoro della società e ha sostenuto che un’indagine sugli adolescenti su 12 questioni serie come ansia, tristezza e disordini alimentari ha mostrato che Instagram li ha generalmente aiutati.

Il senatore democratico del Massachusetts ha quindi messo alle strette Davis chiedendole se la compagnia può promettere di non includere funzionalità come il conteggio dei like e dei follower su qualsiasi servizio targettizzato ai bambini, dal momento che i marcatori di popolarità sui social creano problemi nei minori, tra cui difficoltà a gestire depressione e ansia. La portavoce di Facebook non ha potuto fare alcuna promessa, limitandosi a dire che la compagnia continuerà a condurre ricerche sul problema.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Facebook sotto torchio per le accuse di danneggiare le adolescenti

Today è in caricamento