Sergio Marchionne, la discreta presenza della compagna Manuela

L'ex ad della Fca è morto questa mattina a Zurigo. Accanto a lui nei giorni successivi al ricovero in clinica, i suoi figli e la compagna Manuela Battezzato

Sergio Marchionne

Sergio Marchionnne è morto, 28 giorni dopo l’operazione alla spalla eseguita nella clinica di Zurigo in seguito alla quale erano sorte gravi complicazioni.

Il riserbo sulle condizioni di salute di Sergio Marchionne è stato massimo fino all'ultimo.

“Stazionarie e irreversibili” sono stati i termini che negli ultimi giorni hanno descritto la situazione clinica dell'ex ad di Fca, ricoverato in terapia intensiva e vegliato dai soli familiari per i quali Sergio è il nome di un papà e di un compagno di vita.

E' morto Sergio Marchionne, il manager col pullover che rilanciò la Fiat 

La sfera privata del top manager italo-canadese non è mai stata al centro delle cronache, protetta dai fari mediatici che in questi anni hanno sempre illuminato il professionista e mai l’uomo, per una sua precisa volontà.

Del dirigente 66enne, figlio di un maresciallo dei Carabinieri si sa solo che ha due figli, Alessio Giacomo nato nel 1989 e Jonathan Tyler, 5 anni più piccolo del fratello, nati dal primo matrimonio con la ex moglie Orlandina.

E poi si sa che al suo fianco, insieme ai suoi ragazzi c’è sempre stata lei, Manuela Battezzato, compagna di Marchionne da più di sei anni.

Morto Marchionne, un destino tra Europa e America 

Manuela Battezzato, chi è la compagna di Sergio Marchionne

La relazione di Sergio Marchionne con Manuela Battezzato risale alla fine del 2012, dopo il divorzio del manager dalla prima moglie. Laureata in scienze politiche, la 47enne piemontese è una dipendente della Fca che lavora nel ramo comunicazioni e, stando alle recenti informazioni, farebbe parte dell’ufficio comunicazione del gruppo dalla fine degli anni ’90.

Dal 2009, anno dell’acquisizione di Chrysler avvenuta proprio grazie a Marchionne, Manuela Battezzato ha coordinato i rapporti tra l'ufficio stampa torinese e quello di Detroit, iniziando una stretta collaborazione con il dirigente che poi sarebbe diventato compagno di vita.

Un compagno - immaginiamo - premuroso e amorevole che, come scrive il Corriere della Sera, definiva Manuela “la mia fortuna” e faceva in modo che nulla, un pettegolezzo o un commento di troppo, turbassero la sua serenità. Una serenità che oggi riesce diffcile immaginare ancora. 

Guarda anche

L'ultima uscita pubblica di Marchionne: a Roma per donare una jeep ai carabinieri

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • A qualcuno piace caldo: i 5 peperoncini più piccanti del mondo

  • Cibo, dacci oggi il nostro allarme alimentare quotidiano

I più letti della settimana

  • Bollo auto, così cambia la tassa

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 giugno 2019

  • Grande Fratello story, tutti i vincitori del reality show

  • Reddito di cittadinanza, l'ultima truffa: "Vivo da solo", scoperto e denunciato

  • Bimbo esce all'alba da solo: fermato in tangenziale, carabinieri esaudiscono il suo desiderio

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 giugno 2019

Torna su
Today è in caricamento