rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Donna

'Non ho voglia di fare sesso': ecco come lo dice l'uomo

Gli intervistati hanno ammesso di accampare delle scuse, a volte improbabili, per non adempiere ai 'doveri coniugali' del talamo

Succede anche questo: che chi non voglia fare sesso sia lui.
Capita molto più spesso di quanto si possa credere, contrariamente all'idea diffusa che l'uomo sia un vulcano di erotismo, pronto in qualsiasi momento a lasciare che la carica di testosterone esploda nel botto impetuoso di una passione eruttiva.

Anche la virilità, infatti, può permettersi periodi di stasi e mettere in stand by la pratica dimostrativa delle virtù più mascoline e quando questo accade, quando è lei che sfiora sinuosa il piede del partner sotto le coperte trovando la compostezza monacale di un corpo ascetico, le scuse accampate dall'apatico compagno scricchiolano al suono sinistro della difficile scalata sugli speccchi.

Un campione di duemila intervistati, preso in esame dal sito LloydsPharmacy Online Doctor, ha ammesso le scuse alle quali ricorre più spesso per non fare l'amore, che, spaziando dalla verosimiglianza all'assurdità, nascondono a volte qualche problema di disfunzione erettile che mai si ha il coraggio di affrontare per correre ai ripari ed evitare deprimenti teatrini menzogneri.

Lungi dall'utilizzo dell'inflazionata emicrania, che resta sempre la carta utilizzata dall'indolenza sessuale femminile, il 60% degli interpellati tira fuori la stanchezza dovuta alla lunga e faticosa giornata lavorativa.
Ma c'è anche chi si spinge oltre la barriera del sensato e adduce l'impellenza di vedere il programma preferito in onda proprio in quel momento (cosa che scatena nelle più insicure un calo vertiginoso dell'autostima) oppure chi arriva anche a spiegare che no, il cane proprio non può aspettare di espletare i suoi bisogni fisiologici e va accompagnato fuori.
C’è, poi, chi cita ardimentosi problemi digestivi, nonostante di norma ingerisca vagonate di cibo senza problemi e chi, magari dopo un trastullo al limite dell'amplesso, tira fuori la priorità di un fantomatico appuntamento.

E' in quel momento che l'espressione più femmina della sensualità giunonica sbatte contro il muro di gomma dello stordimento, che blocca qualsiasi replica di fastidio e si limita alla constatazione che anche lui, alla fine, ha il diritto 'sacrosanto' di farsi desiderare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Non ho voglia di fare sesso': ecco come lo dice l'uomo

Today è in caricamento